AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
24 Maggio 2018
Ci sono 230 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 2.043 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Kepler è nuovamente operativo, ancora non sono chiari i motivi dello stop di questi giorni, ma nell’arco di una settimana dovrebbe riprendere i preparativi per la nuova missione: puntare i suoi occhi verso il cuore della nostra galassia a caccia di pianeti orfani.

    Il telescopio spaziale Kepler è nuovamente operativo, secondo quanto comunicato dalla NASA.

    Quattro giorni fa, il cacciatore di pianeti era autonomamente entrato in modalità di emergenza, una particolare configurazione di volo che prevede il minimo consumo di energia, ma che in compenso comporta l’utilizzo di grandi quantità di carburante. Ieri mattina, i controllori di volo sono riusciti a mantenere un contatto radio stabile con il telescopio. Durante la finestra di comunicazione, gli ingegneri hanno scaricato una grande quantità di dati di telemetria che useranno per ricostruire le dinamiche del malfunzionamento che ha colpito il telescopio e per accertarsi della salute dei vari sistemi di bordo. Gli ingegneri hanno inoltre attivato una modalità di riduzione del consumo di propellente. Essendo uscito dalla configurazione di emergenza, il telescopio ha perso la priorità di comunicazione che aveva acquisito.

    Secondo gli ingegneri, ci vorrà almeno una settimana affinché Kepler possa incominciare la tanto attesa campagna scientifica che lo vedrà puntare il suo telescopio in direzione del cuore della Via Lattea. Kepler tenterà di sfruttare il fenomeno di microlente gravitazionale per rivelare pianeti orfani o interstellari. La campagna si chiuderà il 1° luglio, quando il centro galattico non sarà più in una posizione favorevole alle osservazioni di Kepler.

    Secondo le analisi preliminari dei dati scaricati finora, Kepler sarebbe stato colpito da un’anomalia circa 14 ore prima di eseguire la manovra che lo avrebbe portato a osservare il centro galattico. Questo dettaglio ha permesso agli ingegneri di escludere il sistema di propulsione e le ruote di reazione dalle possibili cause del guasto, la cui natura rimane ignota.

    Le ruote di reazione, in particolare, erano la principale fonte di preoccupazione. Kepler infatti ha già perso due delle sue quattro ruote di reazione. In teoria, il telescopio necessita di almeno tre giroscopi per poter puntare verso un determinato campo di cielo con un’accuratezza e una stabilità sufficienti alla raccolta di dati utili. Tuttavia, in seguito al fallimento della seconda ruota di reazione, gli ingegneri erano riusciti a ideare una tecnica per bilanciare l’assetto del telescopio usando la pressione delle radiazioni solari. Il fallimento di una terza ruota di reazione, come si era ipotizzato in questi giorni, avrebbe però reso del tutto impossibile il proseguimento della missione.

    Nei suoi sette anni di missione, il telescopio non era mai entrato in modalità di emergenza. Il recupero del satellite in un tempo così breve è stato consentito dalla rapida risposta e dal duro lavoro degli ingegneri della NASA.


    Coelum Astronomia ora è gratis! Lo sapevi? CLICCA QUI

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento