AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
24 Settembre 2018
Ci sono 187 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 3.171 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Si avvia al termine la missione della sonda Cassini, con un ultimo anno di osservazioni di Saturno, dei suoi anelli e satelliti, prima di tuffarsi nell’atmosfera del pianeta il 15 Settembre 2017.

    Saturno ripreso da Cassini il 11 Maggio 2015 da una distanza di 2,5 milioni di chilometri. Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute

    di

    Al termine del prossimo mese di novembre 2016 i tecnici del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA guideranno la sonda verso una nuova serie di orbite che porteranno Cassini, in una prima fase, a lambire il bordo esterno degli anelli principali di Saturno.

    Queste orbite, denominate “F-rings”, verranno percorse per 20 volte fino ad aprile 2017, consentendo a Cassini una vista ravvicinata fino a 7.800 chilometri della regione intermedia degli anelli principali di Saturno, analizzando in particolare l’anello F con la sua particolare struttura piegata ed intrecciata.

    La regione degli anelli interni di Saturno dove orbita il satellite Pan del diametro di 28 chilometri. La piccola luna orbita all’interno della divisione di Encke, nell’anello A, e ha un ruolo fondamentale perché contribuisce a mantenerlo stabile pur modificandone la forma e l’estensione. Immagine ripresa da Cassini il 2 luglio 2016 da una distanza di 1,4 milioni di chilometri. Credits: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute.

    A partire da aprile 2017, l’orbita di Cassini verrà ulteriormente modificata per avvicinarla progressivamente a Saturno dove andrà ad impattare, penetrando negli strati esterni dell’atmosfera, a settembre 2017.

    Questa fase, denominata “Gran Finale”, comincerà con un passaggio ravvicinato a Titano che modificherà l’orbita della sonda, a causa dell’attrazione gravitazionale del satellite di Saturno, portando Cassini a tuffarsi per 22 volte, fra aprile 2017 e  settembre 2017, nello spazio libero di 2400 chilometri, mai esplorato prima, fra la superficie esterna del pianeta e i suoi anelli più interni.

    Nel “Gran Finale” Cassini effettuerà le osservazioni di Saturno da una distanza molto ridotta, mai raggiunta in precedenza, e che consentirà una analisi approfondita del campo magnetico e gravitazionale del pianeta e una  vista particolareggiata degli strati esterni dell’atmosfera.

    Per sapere tutto sulla missione Cassini, lo speciale su Coelum 201. Cliccare sull'immagine per accedere, è gratuito!

    A così breve distanza dalla superficie Cassini sarà in grado di analizzare con maggiore accuratezza la lunghezza del giorno di Saturno e ricavare informazioni più accurate sulla struttura interna del pianeta.

    La sonda fornirà inoltre osservazioni utili a valutare la massa totale degli anelli di Saturno per determinarne l’età, e al tempo stesso sarà in grado di analizzare campioni di polvere che compongono gli stessi anelli e dei gas che si estendono al di sopra dell’atmosfera del pianeta.

    Lanciata il 15 ottobre 1997, Cassini ha iniziato la propria missione scientifica di osservazione di Saturno ben 12 anni fa, il 1 luglio 2004, fornendo agli scienziati informazioni di straordinaria importanza per la conoscenza del pianeta e del suo sistema di anelli e satelliti.

    Nell’infografica seguente, preparata dal team della NASA-JPL e dal California Institute of Technology (Caltech) una sintesi dei risultati principali conseguiti fino ad ora dalla sonda Cassini nei 12 anni di missione nell’orbita di Saturno.

    In numeri, la missione di Cassini al 15/09/2016. Credits: NASA/JPL-Caltech

    Cassini-Huygens è una missione congiunta dell’Agenzia Spaziale Americana (NASA), dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), composta dalla sonda orbitante Cassini, progettata e costruita dal Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA , e dalla sonda esplorativa Huygens, progettata e costruita dall’ESA.

    Nell’animazione di NASA/JPL-Caltech, le orbite di Cassini a partire da Novembre 2016: in verde le “F-rings” che verranno percorse fino ad Aprile 2017 e in blu le successive orbite del “Gran Finale” che porteranno la sonda a tuffarsi nell’atmosfera di Saturno nel Settembre 2017. In arancione viene indicata l’orbita del satellite Titano e nel diagramma nell’angolo in basso a destra la distanza di Cassini dalla superficie di Saturno.

    Fonti: NASAASI.

    Segui la discussione su ForumAstronautico.it


    Coelum 203 di settembre 2016 è online!
    Semplicemente… clicca e leggi, è gratis!


    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento