AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
18 Ottobre 2019
Ci sono 205 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 3.982 volte
    2 Commenti
    Commenta
    Dopo la scoperta dell’esopianeta Proxima b, attorno a Proxima Centauri, un team di scienziati ha predetto un futuro allineamento tra il sistema Alpha Centauri e una stella sullo sfondo. L’effetto lente gravitazionale permetterà di “zoomare” ricercando nuovi inquilini cosmici, una rara opportunità per la caccia ai pianeti extrasolari.

    Le traiettorie previste per Alpha Centauri A (in arancione) e B (in rosso), sovrapposte su di un'immagine acquisita dallo strumento SOFI del New Technology Telecope (NTT) dell'ESO e dallo strumento NACO del VLT. È mostrata la congiunzione con la stella S5 (la stella più brillante nell'immagine NACO). Sullo sfondo un'immagine della Digitised Sky Survey 2. Crediti: P. Kervella et al. (CNRS / U. de Chile / Observatoire de Paris / LESIA)/ESO

    L’appuntamento è fissato per il 2028, anno in cui – con la complicità di un fenomeno chiamato effetto “lente gravitazionale” e al possibile conseguente anello di Einstein – si aprirà la caccia “indiretta” ad un presunto inquilino del sistema stellare a noi più prossimo, Alpha Centauri.

    A segnalare il save the date, un team di scienziati francesi guidati da Pierre Kervella del CNRS/Universidad de Chile: collezionando i dati raccolti con i telescopi dello European Southern Observatory, l’equipe ha calcolato le traiettorie della coppia stellare Alpha Centauri A e B, predicendo ogni allineamento da qui al 2050 tra gli astri in questione e altri oggetti sullo sfondo, con una possibilità di errore trascurabile.

    L’analisi ha permesso di identificare il futuro allineamento tra il sistema AB e la lontana 5S — probabilmente una stella rossa — con conseguente deflessione della sua radiazione luminosa (l’effetto lente gravitazionale, appunto) e probabile Anello di Einstein. Gli astronomi, conosciuta la massa delle due stelle, stimano di poter risalire al grado di curvatura della radiazione luminosa e calcolare, in caso di variazione rispetto alle misurazione prevista, la presenza di altre masse, come appunto i pianeti.

    Secondo infatti le ipotesi degli astronomi Alpha Centauri A nasconderebbe un pianeta che con un po’ di fortuna potrebbe essere individuato con la complicità di S5. Non resta che aspettare il maggio 2028.


    Leggi lo speciale su Proxima b e sulla ricerca di pianeti extrasolari su Coelum 204 di ottobre.
    Come sempre in formato digitale e gratuito, e con tanti contenuti extra da cliccare!


    Commenta

    2 Commenti a “Caccia al pianeta extrasolare… con la lente”

    1. Santo Vaiana scrive:

      stavo leggendo l’articolo ma a fianco quelle due fotografie parlano e mi disturbano la lettura

      • Paola De Gobbi scrive:

        Caro Santo,

        non saprei di che fotografie sta parlando… pensavo ci fosse un video, che spesso mettiamo, ma vedo che in questa pagina non c’è nulla con audio. Controlli di non avere qualche malware che le apre dei popup con pubblicità “parlanti”.

        (In ogni caso, se in una pagina trova qualche inserto multimediale con audio, può sempre silenziarlo con gli appositi comandi direttamente sul video o del suo browser).

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento