AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
7 Agosto 2020
Ci sono 269 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Editoriale – Coelum n.243 – 2020

Nessun commento
Commenta

Non è un periodo semplice, cari Lettori. Molti di noi sono “in prima linea”, medici, infermieri… a combattere un’aspra battaglia contro un nemico invisibile, il Coronavirus. Ma anche forze dell’ordine, commessi, impiegati e tutti coloro che, meno in vista, ci garantiscono i servizi essenziali. A loro va tutta la nostra gratitudine. Molti altri hanno la fortuna di poter lavorare da casa o stanno vivendo un momento di stop forzato, sempre tra le mura domestiche. Proprio come astronauti in missione nel vuoto dello spazio, anche noi stiamo conducendo una missione nella nostra personale “stazione spaziale”. E proprio come quegli uomini dello spazio che hanno fatto dell’isolamento la loro professione, siamo chiamati ad affrontare con impegno, responsabilità e sacrificio la nostra missione: restare a casa! A ben rifletterci, questo periodo, per quanto difficile, ci permette anche di riscoprire tanti piccoli momenti, prima perduti, della nostra quotidianità e magari di riconquistare un po’ di quel tempo che la frenetica vita di tutti i giorni, nella normalità che ormai non c’è più, ha insaziabilmente eroso. E così possiamo tornare a riscoprire anche le stelle. Ogni sera il cielo attende il nostro sguardo e ci offre uno spettacolo impareggiabile. In montagna, in campagna, al mare o in città… è sufficiente una finestra, un balcone o un terrazzino: affacciamoci! E ammiriamo quegli astri che ogni notte brillano sopra di noi, i più luminosi dei quali sfidano anche i cieli inquinati di città, e molto spesso nemmeno ce ne accorgiamo.

Noi di Coelum Astronomia, insieme alla comunità di appassionati, astrofili, astronomi e professionisti del settore, vogliamo ricordarvi che l’astronomia e la gioia di osservare il cielo possono essere di conforto in questo difficile momento. Tante sono le iniziative, gli eventi e i contributi liberamente fruibili via internet senza uscire di casa, proposti in questo periodo dai singoli o dalle associazioni. Noi saremo con voi e vi segnaleremo numerose occasioni di incontro virtuale, spunti e suggerimenti per coltivare l’astronomia, anche da casa. In queste pagine troverete una piccola raccolta di iniziative, dalle più semplici alle più impegnative, e altre ne seguiranno. Continuate a seguirci anche su tutti i nostri canali online: il nostro sito web, la nostra pagina Facebook e Twitter.

Per chi desideri tentare l’osservazione del cielo da casa, nel “cielo del mese” potrà trovare numerosi suggerimenti e non importa se non disponete di un telescopio o di un binocolo: anche l’osservazione a occhio nudo è sufficiente! Imperdibile sarà l’incontro tra il brillantissimo Venere (impossibile da non riconoscere nel cielo della sera) e le magnifiche Pleiadi. Un incontro piuttosto raro, oltretutto, di cui ci parla con dovizia di dettaglio Aldo Vitagliano nel suo articolo.

In aprile inoltre cadranno due interessanti anniversari di cui non manchiamo di parlarvi: il centenario del “Grande Dibattito” che, nei ruggenti anni ’20 del XX secolo, vide contrapposte le posizioni di due grandi astronomi, Harlow Shapley e Heber Curtis, nel tentativo di stabilire la natura di quelle “nebulose a spirale” che oggi sappiamo essere veri e propri “universi isola”, le galassie. Ce ne parla Flavio Castellani. In aprile si celebra anche il 50° anniversario della travagliata missione Apollo 13: tutti abbiamo avuto modo di sentire la frase “Houston, abbiamo un problema“. Ripercorriamo con la guida di Luigi Morielli, dal punto di vista umano ed emozionale, come si sono svolte le vicende legate a quella crisi vissuta da tre astronauti, in lotta per la sopravvivenza a centinaia di migliaia di chilometri nello spazio tra la Terra e la Luna.

Per gli amanti dell’arte, infine, sarà un piacere poter vedere le particolari e dettagliatissime opere di Valentina Rech, che ci racconta come è nata la sua passione per l’astronomia e come sia riuscita a dare vita a un felice matrimonio tra stelle e arte.

Non finisce qui, come sempre c’è molto altro da scoprire tra le pagine di questo numero di Coelum Astronomia, dalle news alle magnifiche fotografie del cielo che ogni mese caricate nella nostra gallery PhotoCoelum.

Vi auguro buona lettura e mando un abbraccio virtuale a tutti.
Coraggio: usciremo, prima o poi, a riveder le stelle tutti insieme.

Editoriale pubblicato su Coelum n.243 - 2020.

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento