×
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
26 Marzo 2017
Ci sono 209 utenti collegati
Atik Cameras
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Editoriale – Coelum n.199 – 2016

Nessun commento
Commenta

Mancano pochi giorni al 7 maggio: l’emozione e il senso di attesa sono in costante aumento! Si perché l’appuntamento è con un raro evento astronomico, un fenomeno che si fa attendere diversi anni per essere ammirato: il transito di Mercurio sul Sole. Il piccolo pianeta transiterà davanti al Sole rendendo evidente la sua presenza in forma di un piccolo puntino nero che si staglia sullo sfondo ardente e immenso della nostra stella. Uno spettacolo davvero affascinante! E quel giorno, per tanto tempo considerato lontano al punto da sembrare irraggiungibile, è ormai quasi arrivato!
Forse anche i lettori condividono con me questa sensazione ma di sicuro i più attenti si chiederanno come mai abbia parlato del 7 maggio…
Il transito di Mercurio sul Sole si verifica, per la precisione, il 9 maggio ma non ho commesso un errore: in realtà si tratta del ricordo del transito del 2003 e delle sensazioni che ho provato allora. Sembra ieri ma sono già trascorsi ben 13 anni!

Questo è un aspetto dell’astronomia che adoro, la ciclicità puntuale di certi fenomeni che si ripetono con meccanica e precisa costanza. Ed essendo la scala temporale molto ampia, il ripetersi di questi eventi segna delle tacche nella nostra esistenza che sembrano collegate da un sottile filo conduttore che le unisce e ci permette di rievocare le esperienze passate, ravvivando le passate emozioni. Mi piace pensare che quel filo sottile ci connetta virtualmente con tutti gli studiosi e appassionati del passato che hanno vissuto il transito di Mercurio con la stessa emozione e, come noi, con lo sguardo rivolto al cielo. Quali erano i loro pensieri? Quali erano i loro sogni e le loro speranze? Per un istante è come se oggi tutti fossimo presenti, uniti nella stessa coinvolgente attesa.
Non è una visione nostalgica legata al passato perché lo stesso filo conduttore si estende anche nel futuro e, nella certezza del ripetersi dell’evento, ci sarà un giorno lontano in cui qualche giovane appassionato, osservando con stupore e meraviglia il transito di Mercurio, penserà – senza saperlo – anche a noi che potremo così condividere con lui, al di la del tempo, gli stessi straordinari momenti.

In questo numero troverete la prima parte di una serie di articoli pensati proprio per prepararci al transito di Mercurio sul Sole: dalla storia dei transiti più importanti di ogni epoca, alla guida per capirne la meccanica e la geometria, alla completa analisi per la scelta della strumentazione migliore per l’osservazione.
Troverete inoltre la prima puntata dell’articolo dedicato al Paradosso di Fermi: se l’universo brulica di alieni, dove sono tutti quanti? Una serie di ipotesi vengono formulate per trovare una risposta plausibile.
Affascinante il racconto di Andrea Pistocchini che ci narra la storia della preparazione del suo poster Messier, un lavoro durato qualche anno ma che gli ha procurato una grande soddisfazione.
Ovviamente il numero è completato dalle nostre ricche rubriche dedicate all’osservazione del cielo, alle notizie, agli appuntamenti e all’astrofotografia.

Buona lettura!

Editoriale pubblicato su Coelum n.199 - 2016.

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento