AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
20 Luglio 2019
Ci sono 230 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Viaggio al Centro della Via Lattea

Nessun commento
Commenta

centro-via-lattea

In occasione dell'Anno Internazionale dell'Astronomia (2009), i grandi Osservatori della NASA – il Telescopio Spaziale Hubble, il Telescopio Spaziale Spitzer e l'Osservatorio a Raggi X Chandra – hanno collaborato per produrre un'immagine senza precedenti della regione centrale della Via Lattea. Questa spettacolare immagine composita combina le osservazioni negli infrarossi (Hubble e Spitzer) e nei raggi X (Chandra) in grado di attraversare la polvere interstellare che oscura la visuale sul nucleo galattico e ne rivelano l'intensa attività. Il centro della galassia si trova all'interno della regione più bianca e luminosa, situata nella parte a destra dell'immagine. Il contributo di ogni telescopio è presentato in un colore diverso. Il giallo rappresenta le osservazioni del vicino infrarosso del telescopio Hubble. Il rosso rappresenta le osservazioni nell'infrarosso di Spitzer. Il blu e il viola rappresentano le osservazioni a raggi X di Chandra. Crediti: NASA/Hubble/Chandra/Spitzer

La recente pubblicazione della prima immagine di un buco nero, ad opera del Consorzio Event Horizon Telescope, ci ha riempiti tutti di grande entusiasmo e interesse nei confronti di questi oscuri oggetti celesti. Per la verità ci aspettavamo di poter dare un’occhiata al buco nero al centro della Via Lattea, Sagittarius A* e invece (ma non ne siamo certo rattristati) si è trattato di quello di M 87… Rimane comunque la curiosità e il senso di attesa per la fotografia che, infine, ritrarrà proprio lui, Sagittarius A* e, nel frattempo, addentriamoci nella densa regione centrale della nostra galassia per andare a conoscerlo meglio.
Abbiamo avuto modo di conoscere con maggiore dettaglio le caratteristiche della grande casa celeste in cui viviamo, la Via Lattea, nello scorso numero di questa rivista (I Segreti della Via Lattea – Coelum Astronomia 232). Sappiamo che si tratta di una grande galassia a spirale barrata la cui struttura è tanto complessa quanto lo è la sua storia, lunga oltre 13 miliardi di anni, animata da intense trasformazioni, in un susseguirsi di scontri galattici e colossali sconvolgimenti di materia che, infine, hanno portato alla sua forma attuale. E proprio come in un balletto cosmico, in cui gli elementi si muovono armoniosamente all’unisono, nella Via Lattea tutto è diretto magistralmente da una forza fondamentale, la forza di gravità.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.233 - 2019 alla pagina 74: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento