AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
14 Dicembre 2019
Ci sono 254 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Una LUCE si accende nel DELFINO

Nessun commento
Commenta
Itagaki

L'amatore giapponese Koichi Itagaki (67 anni) fotografato con il riflettore da soli 18 cm con cui ha scoperto la Nova Delphini 2013 alle 14:01 TU del 14 agosto scorso, quando era ancora di mag. +6,3.

Una stella nova è finalmente tornata a dare spettacolo nel nostro cielo! Dopo la KT Eridani, che nel novembre 2009 sfiorò la quinta grandezza, una nuova stella è apparsa nella piccola ma appariscente costellazione del Delfino, raggiungendo – anche se per breve tempo – la magnitudine +4,3: un valore considerevole che la colloca tra le 20 stelle più luminose di questa categoria registrate negli annali storici!

Il primo a comunicare la notizia dell’apparizione alla comunità astronomica è stato l’amatore giapponese Koichi Itagaki, che in una fotografia realizzata il 14 agosto scorso si è subito accorto della presenza di un oggetto di magnitudine +6,3 situato nella parte nord-occidentale del Delfino, ai confini con la Freccia e la Volpetta. Itagaki – che non è certo nuovo a questo genere di scoperte dato che, nella sua lunga carriera di osservatore, ha avuto il merito e la soddisfazione di avvistare per primo altre 6 novae nella nostra galassia, compresa la stessa KT Eridani – ha subito controllato una ripresa dello stesso campo fatta la sera precedente, verificando che 24 ore prima l’oggetto non era assolutamente visibile.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.173 - 2013 alla pagina 34

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento