AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
30 Ottobre 2020
Ci sono 280 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Un recente metodo per lo studio fotografico di oggetti molto deboli

Nessun commento
Commenta

Lost and Found
Vi siete mai chiesti a chi si deve, e a quale epoca risale, lo sviluppo del metodo che attraverso l’addizionamento di più immagini digitali (oggi) o di negativi fotografici (ieri) permette di ottenere straordinari miglioramenti nella fotografia astronomica di oggetti deboli? Ebbene, abbiamo ritrovato per voi un breve articolo dove se ne parla per la prima volta… ed era il 1940.
Mikhail Leontovsky (1906-1940 ?) in «Bulletin de l’Institut Astronomique” dell’U.R.S.S. espone i risultati ottenuti da uno studio fotografico delle parti esterne della Nebulosa di Andromeda, condotto con un metodo fotografico già usato da altri studiosi – ad es. Belopolski e Businnsky – per ricerche di altro genere, ma che costituisce una novità nel campo della fotometria delle nebulose. La ricerca è basata sui seguenti principi. È noto che la luminosità superficiale del cielo notturno limita la possibilità di fotografare oggetti molto deboli con pose convenientemente lunghe. Anche nelle più limpide notti illuni il cielo notturno presenta una molto debole, ma sensibile luminosità; essa è di circa 22 magnitudini per secondo d’arco quadrato ed è dovuta probabilmente all’azione combinata della luce zodiacale, di lontane e deboli aurore polari e, in parte minore, alla luce delle stelle che si proiettano sullo sfondo della sfera celeste.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.185 - 2014 alla pagina 42

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento