AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
2 Giugno 2020
Ci sono 204 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

… tubi ottici Celestron EdgeHD

Nessun commento
Commenta
Global Test

L' astrofografo canadese André Paquette (www.paquettefamily.ca/astro) che sfoggia il Celestron EdgeHD 14.

Questo mese ci occupiamo dei tubi ottici Celestron EdgeHD, costruiti dall’azienda cino-americana Celestron International. Per quanto riguarda le specifiche tecniche segnaliamo ai lettori questo esaustivo documento (http://goo.gl/EUZzMv), un vero e proprio “WhitePaper” (libro bianco) di ben 24 pagine, in cui i progettisti della Celestron spiegano in dettaglio la filosofia di progettazione, le caratteristiche tecniche e le prestazioni degli astrografi EdgeHD, creati per adeguare le ottiche alle nuove esigenze dei cultori dell’imaging digitale. Si tratta di una lettura consigliabile a tutti, anche se richiede un certo grado di conoscenza dell’ottica astronomica per poter essere compreso nel migliore dei modi.
Celestron EdgeHD, disponibili nelle aperture 8, 9.25, 11 e 14 pollici, sono dei veri e propri astrografi (telescopi fotografici) a campo piano, progettati partendo dallo schema ottico Schmidt-Cassegrain ma dotati di un correttore/spianatore di campo alloggiato in modo permanente all’interno del tubo paraluce Cassegrain. Questo correttore/spianatore integrato – che non può essere rimosso – serve a correggere il coma residuo (intrinseco dei telescopi SC) e a spianare il campo (che negli SC “normali” è un po’ curvo, producendo una differenza non trascurabile di messa a fuoco tra il centro e i bordi delle immagini quando il campo inquadrato dal sensore ha un diametro maggiore di 15-16 mm circa).

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.180 - 2014 alla pagina 42

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento