AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
20 Novembre 2019
Ci sono 295 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Tre perle di schiuma nel salto del Delfino

Nessun commento
Commenta

nel cielo cartina delfino

La cartina del mese è centrata sulla costellazione del Delfino, nelle cui regioni periferiche si trovano i tre oggetti di cui si parla nel testo: i globulari NGC 6934 e NGC 7006 e la nebulosa planetaria NGC 6905.

Come si sa, la costellazione del Delfino, situata una decina di gradi a sudest della scia della Via Lattea, deve il suo nome a un gruppo di stelle che ricorda con grande vivacità la sagoma di un delfino in fase di salto. Malgrado si proietti nelle vicinanze della Via Lattea, l’area occupata (appena 188 gradi quadrati, il che ne fa la sesta costellazione più piccola tra quelle boreali) è piuttosto avara di oggetti deep-sky di una qualche rilevanza, e i tre di cui parliamo questo mese sono in pratica gli unici alla portata di telescopi amatoriali medi.

NGC 6934, sotto la coda del delfino – Il primo oggetto che andiamo a visitare è NGC 6934, un globulare scoperto da W. Herschel la notte del 24 settembre 1785. Distante circa 50 000 anni luce, questo ammasso appare discretamente grande nelle fotografie a lunga posa (circa 7/8 primi d’arco), ma di dimensioni molto contenute (2/3′) se osservato visualmente. Situato com’è in una regione povera di stelle brillanti, per arrivarci conviene prendere come riferimento ε (epsilon) Delphini (la coda del delfino) e poi spostarsi di 3,9° verso sud. A questo punto, proprio perché abbastanza isolato, non si dovrebbe faticare a scorgere l’ammasso come un delicato batuffolo di nona magnitudine.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.173 - 2013 alla pagina 50

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento