AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
17 Febbraio 2020
Ci sono 227 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line
Nessun commento
Commenta

In assenza di scoperte italiane, questo mese soffermiamo l’attenzione su una supernova scoperta il 13 marzo dal veterano cacciatore di supernovae inglese Ron Arbour (72 anni) giunto alla sua scoperta n. 34. La galassia ospite è la bellissima spirale vista di faccia NGC3631, posta a circa 40 milioni di anni luce nella costellazione dell’Orsa Maggiore. Al momento della scoperta la supernova, denominata SN2016bau, mostrava una luminosità pari alla mag. +17,8, in aumento nei giorni seguenti. Lo spettro infatti, ripreso il 14 marzo dall’osservatorio di Asiago con il telescopio Copernico da 1,82 metri, ha permesso di classificare la supernova di tipo Ib scoperta circa 10 giorni prima del massimo, con i gas eiettati dall’esplosione che viaggiano a una velocità di circa 16800 km/s. Il massimo di luminosità di questa supernovae si verificherà perciò intorno al 20-25 marzo.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.199 - 2016 alla pagina 103

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento