AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
5 Agosto 2020
Ci sono 275 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Stelle Doppie Difficili

Nessun commento
Commenta

Stelle Doppie Difficili
L’applicazione di metodi per la rilevazione delle componenti annegate nella luce di primarie troppo più luminose

L’osservazione amatoriale delle stelle doppie è per tradizione prevalentemente visuale. Del resto, la ripresa fotografica in alta risoluzione era in passato scoraggiata dai poco esaltanti risultati che si ottenevano con la pellicola prima, e con le prime rudimentali camere CCD poi. Oggi però la situazione è radicalmente cambiata. Le moderne camere planetarie, nonché i sofisticati metodi di elaborazione che permettono di individuare oggetti debolissimi anche in presenza di intense fonti di luce primarie, permettono di andare ben oltre le capacità dell’occhio, consentendo la visione e lo studio anche di doppie strette o comunque difficili. A titolo di esempio, in questo articolo descriveremo la realizzazione di due riprese significative: quelle di Theta Aurigae e di Omicron Ursae Majoris (Muscida).

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.191 - 2015 alla pagina 28

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento