AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
7 Dicembre 2019
Ci sono 288 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Riuscirà PLUTONE a sopravvivere fino al 1984?

Nessun commento
Commenta
Dessler e Russel

I due autori dell’articolo che tanto scalpore fece nell’ambiente scientifico americano; tanto più perché venne scritto da due esperti del settore, considerati fino ad allora dei serissimi scienziati, poco inclini alla goliardia. A sinistra: l’americano Alexander J. Dessler (1928), a destra l’inglese Christopher T. Russell (1943).

Correva l’anno 1980 quando su EOS, la rivista dell’American Geophysical Union, comparve un articolo di Alexander Dessler e Christopher Russell – due esperti di geofisica e planetologia – in cui si prediceva la scomparsa di Plutone entro il 1984 a causa della sua progressiva perdita di massa. La trattazione, all’apparenza rigorosa e condita con un pizzico di formalismo matematico, era ovviamente tutta giocata sul filo del paradosso, ma coglieva in modo assolutamente efficace le contraddizioni sulla reale natura del remoto pianeta. Le stesse contraddizioni che, esplose nei decenni successivi, portarono poi alla decisione di declassare il pianeta.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.162 - 2012 alla pagina 22

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento