AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
9 Agosto 2020
Ci sono 267 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Qualche chiarimento sulle COSMOLOGIE ALTERNATIVE – Parte 3

Nessun commento
Commenta
NGC5128 (M82)

La parte centrale della galassia NGC 5128 (M82) in una fotografia realizzata componendo immagini di Hubble, Spitzer e Chandra a varie lunghezze d’onda. Sebbene molti decenni fa non fossero ancora disponibili riprese così esplicite nel mostrare l’esplosiva attività di questa galassia, appartenente al Gruppo di M81, l’astronomo V. Ambartsumian nel 1956 prese spunto da questo e da altri fenomeni violenti in atto in altre galassie per formulare l’ipotesi che nuove galassie potessero formarsi e poi venire espulse in fornaci del genere. Fu probabilmente anche questa idea (poi rigettata quando divenne chiaro che per M82 e altri oggetti si trattava di una forsennata attività di formazione stellare innescata dall’interazione gravitazionale con altre galassie) che influenzò la teoria di Arp in merito all’espulsione dei quasar.

GLI EQUIVOCI SUL BIG BANG – UN MOSAICO CHE REGGE A QUALSIASI PROVA

Si conclude questo mese la pubblicazione (iniziata su Coelum n. 171) di un articolo in cui – a seguito di un recente scambio di commenti sulla rivista fra l’Autore e Alberto Bolognesi in merito alle teorie di Halton Arp – Alberto Cappi si propone di offrire al lettore alle prime armi in cosmologia alcuni elementi per comprendere meglio la situazione, cercando di confutare gli argomenti che di solito vengono usati per ostenere l’incapacità dell’attuale modello standard nel descrivere l’origine e il divenire dell’universo. Come i nostri lettori sanno, l’astronomo americano è infatti rimasto isolato nella comunità astronomica nternazionale per il suo radicale rifiuto della cosmologia moderna, anche se vi è qualche astronomo che ha preso in seria considerazione alcune anomalie da lui segnalate. Anche se finora mi sono voluto concentrare sugli aspetti osservativi del redshift, merita un cenno il quadro teorico entro il quale viene interpretato, ovvero l’espansione dell’universo e la sua evoluzione a partire da uno stato ad alta densità e temperatura. La teoria del Big Bang è in grado di descrivere un ampio insieme di osservazioni indipendenti, tra le quali le abbondanze degli elementi leggeri, ma è indubbio che ciò che ne ha sancito il successo definitivo è stata la scoperta, a metà degli anni ‘60, della radiazione cosmica di fondo. La sua isotropia e le proprietà delle sue fluttuazioni di temperatura sono spiegate in maniera naturale dalla teoria del Big Bang, cosa che nessun’altra teoria alternativa è in grado di fare.

.

Di seguito un elenco degli articoli già pubblicati su Coelum che affrontano l’argomento:

  • Halton Arp e il mistero dei quasar contributi di Roberto Crippa e Cesare Guaita – Coelum n. 12
  • Siamo pronti per una nuova rivoluzione? di Riccardo Scarpa – Coelum n. 25
  • HST e la controversia sul Quintetto di Stephan contributi di Alberto Bolognesi, Halton Arp, Paolo Maffei e Giuseppe Galletta – Coelum n. 40
  • Gruppo di Stephan. Quintetto, quartetto o tripletto? di Alberto Bolognesi – Coelum n. 44
  • La scomparsa di Fred Hoyle contributi di Halton Arp, Francesco Bertola e Alberto Bolognesi – Coelum n. 46
  • Il Lensing Gravitazionale di Massimo Meneghetti e Lauro Moscardini – Coelum n. 48
  • The smoking gun. Una “prova” a favore delle teorie di Arp? di Alberto Bolognesi – Coelum n. 50
  • Sull’interpretazione dei dati sperimentali e l’esistenza della materia oscura di Riccardo Scarpa – Coelum n. 60
  • Editoriale estratto da un testo di Konrad Lorenz – Coelum n. 62
  • La Costante di Hubble. Dispute sull’età dell’Universo di Vojko Bratina – Coelum n. 65
  • La cosmologia negata di Alberto Bolognesi – Coelum n. 65
  • Un altro caso strano nel Quintetto di Stephan di Pasquale Galianni – Coelum n. 70
  • Quel quasar cambierà la Cosmologia? di Pasquale Galianni – Coelum n. 84
  • Secondo me quel quasar è “lontano” di Renato Falomo – Coelum n. 84
  • Quasar vicino o quasar lontano? Il dibattito continua di Renato Falomo, Pasquale Galianni – Coelum n. 86
  • Il punto su “La materia oscura” di Gabriella Bernardi – Coelum n. 91
  • Il punto su “L’energia oscura” di Gabriella Bernardi – Coelum n. 92
  • Legge di Hubble o legge di Lemaître? di Rodolfo Calanca – Coelum n. 99
  • Una prova “definitiva” sull’esistenza della Materia Oscura. Oppure no? di Riccardo
    Scarpa
    – Coelum n. 100
  • Considerazioni sul “Bullet Cluster”, la prova definitiva sull’esistenza della materia oscura? di Massimo Meneghetti – Coelum n. 101
  • Milton Humason: da conduttore di muli a investigatore del cosmo profondo di Rodolfo Calanca – Coelum n. 113
  • Il Codice Celeste di Alberto Bolognesi – Coelum n. 119, 120, 121, 122
  • Sta per iniziare l’era di PLANCKCoelum n.127
  • Nuova misura della Costante di Hubble di Claudio ElidoroCoelum n. 130
  • Cosmologia, l’utopia realizzata di Alberto BolognesiCoelum n. 133
  • Scontro tra universi di Yurij CastelfranchiCoelum n. 134
  • SEEING RED L’universo non si espande di Halton ArpCoelum n.135 – Gennaio 2010
  • Sicuri di sapere quanto è grande l’Universo? di Alberto Cappi Coelum n.140 – 2010
  • Le inchieste di Coelum: la scommessa di Martin Rees di Autori Vari Coelum n.142 – 2010
  • Un punto a favore della Teoria cosmologica MOND di Elena Lazzaretto Coelum n.147 – 2010
  • Hubble sotto attacco di Alberto CappiCoelum n.152 – 2011
  • Il mistero delle galassie a guscio di Alberto CappiCoelum n.157 – 2012
  • Galassie a guscio e redshift anomali. Alcune considerazioni in risposta alle obiezioni di un discepolo di Halton Arp di Alberto CappiCoelum n.161 – 2012
  • Plank ovvero l’universo svelato di Caludio ElidoroCoelum n.170 – 2013

I numeri sono acquistabili subito:

  • >> in formato digitale (quando disponibili, è sufficiente entrare nel sommario del numero dalla sezione arretrati e controllare che ci sia il bottone giallo “acquista e leggi online”)
  • >> in formato PDF nelle relative annate in CD/DVD (fino al 2008)
  • >> in formato cartaceo come arretrati (fino ad esaurimento copie)

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.173 - 2013 alla pagina 14

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento