AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
5 Marzo 2021
Ci sono 178 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Qualche chiarimento sulle COSMOLOGIE ALTERNATIVE (1° parte)

Nessun commento
Commenta
Hubble-Arp

A sinistra, Edwin Hubble (1889-1953), l’astronomo americano che per primo (ma su questo argomento consigliamo la lettura dell’articolo “Hubble sotto attacco” su Coelum n. 152) elaborò l’idea di una relazione tra la velocità di recessione delle galassie (redshift) e la loro distanza. A destra, Halton Arp (1927), astronomo anch’egli statunitense, fin dagli anni sessanta fortemente critico verso il Big Bang e verso il concetto di redshift come indicatore cosmologico di distanza.

I lettori di Coelum hanno avuto modo negli ultimi tempi di leggere uno scambio di commenti – nato casualmente da un mio articolo “Galassie a guscio e redshift anomali” su Coelum 161 – fra me e Alberto Bolognesi, che da tempo divulga in Italia le idee dell’astronomo americano Halton Arp. Arp è rimasto isolato nella comunità astronomica internazionale per il suo radicale rifiuto della cosmologia moderna, anche se vi è qualche astronomo che ha preso in seria considerazione alcune anomalie da lui segnalate. In questo articolo, diviso in tre puntate, vorrei offrire al lettore alle prime armi in cosmologia alcuni elementi per comprendere meglio la situazione, cercando di confutare gli argomenti che di solito vengono usati per sostenere l’incapacità dell’attuale modello standard nel descrivere l’origine e il divenire dell’universo.

Non vi è dubbio che la scoperta del redshift (in italiano spostamento verso il rosso) delle galassie sia stata una delle più importanti dell’astrofisica e, più in generale, della scienza del XX secolo: la sua interpretazione nel quadro della relatività generale ha permesso la nascita e lo sviluppo della cosmologia scientifica… [segue]

Di seguito un elenco degli articoli già pubblicati su Coelum che affrontano l’argomento:

  • HST e la controversia sul Quintetto di Stephan contributi di Alberto Bolognesi, Halton Arp, Paolo Maffei e Giuseppe Galletta – Coelum n. 40
  • Gruppo di Stephan. Quintetto, quartetto o tripletto? di Alberto Bolognesi – Coelum n. 44
  • La scomparsa di Fred Hoyle contributi di Halton Arp, Francesco Bertola e Alberto Bolognesi – Coelum n. 46
  • The smoking gun. Una “prova” a favore delle teorie di Arp? di Alberto Bolognesi – Coelum n. 50
  • Editoriale estratto da un testo di Konrad Lorenz – Coelum n. 62
  • La Costante di Hubble. Dispute sull’età dell’Universo di Vojko Bratina – Coelum n. 65
  • Un altro caso strano nel Quintetto di Stephan di Pasquale Galianni – Coelum n. 70
  • Quel quasar cambierà la Cosmologia? di Pasquale Galianni – Coelum n. 84
  • Secondo me quel quasar è “lontano” di Renato Falomo – Coelum n. 84
  • Quasar vicino o quasar lontano? Il dibattito continua di Renato Falomo, Pasquale Galianni – Coelum n. 86
  • Legge di Hubble o legge di Lemaître? di Rodolfo Calanca – Coelum n. 99
  • Milton Humason: da conduttore di muli a investigatore del cosmo profondo di Rodolfo Calanca – Coelum n. 113
  • Il Codice Celeste di Alberto Bolognesi – Coelum n. 119, 120, 121, 122
  • Sta per iniziare l’era di PLANCKCoelum n.127
  • Nuova misura della Costante di Hubble di Claudio ElidoroCoelum n. 130
  • Cosmologia, l’utopia realizzata di Alberto BolognesiCoelum n. 133
  • Scontro tra universi di Yurij CastelfranchiCoelum n. 134
  • SEEING RED L’universo non si espande di Halton ArpCoelum n.135 – Gennaio 2010
  • Sicuri di sapere quanto è grande l’Universo? di Alberto Cappi Coelum n.140 – 2010
  • Hubble sotto attacco di Alberto CappiCoelum n.152 – 2011
  • Il mistero delle galassie a guscio di Alberto CappiCoelum n.157 – 2012
  • Galassie a guscio e redshift anomali. Alcune considerazioni in risposta alle obiezioni di un discepolo di Halton Arp di Alberto CappiCoelum n.161 – 2012
  • Plank ovvero l’universo svelato di Caludio ElidoroCoelum n.170 – 2013

I numeri sono acquistabili subito:

  • >> in formato digitale (quando disponibili, è sufficiente entrare nel sommario del numero dalla sezione arretrati e controllare che ci sia il bottone giallo “acquista e leggi online”)
  • >> in formato PDF nelle relative annate in CD/DVD (fino al 2008)
  • >> in formato cartaceo come arretrati (fino ad esaurimento copie)

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.171 - 2013 alla pagina 14

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento