AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
22 Settembre 2019
Ci sono 341 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Quadranti Galattici

Nessun commento
Commenta

moebius 180Come ben sanno gli appassionati della saga televisiva, nell’universo di Star Trek, la nostra galassia è suddivisa in quattro settori uguali che vengono indicati con le prime lettere dell’alfabeto greco: Alfa, Beta, Gamma, Delta. In rete si trovano carte particolareggiate di questi quadranti, con l’indicazione delle immaginarie entità politiche contenute in ciascuno. La gloriosa Federazione dei Pianeti, al cui interno si trova il nostro Sistema solare, è collocata a cavallo tra i quadranti Alfa e Beta. I potenti imperi Klingon e Romulano appartengono al Beta. Il Gamma è sede dello stato interstellare chiamato Dominio e i temibili Borg abitano nel Delta. La suddivisione della Via Lattea in quattro quadranti non è però un’invenzione degli sceneggiatori di Star Trek. Nel libro di Geremia, il dio degli eserciti si scaglia contro un antico popolo della Persia, minacciando: «Farò venire contro gli elamiti i quattro venti dalle quattro estremità del cielo, e li disperderò ». Certo, l’autore biblico non pensava a una galassia spartita in settori: ma il versetto testimonia che il numero quattro ha sempre rivestito un ruolo speciale nella storia della cartografia celeste. Senza scomodare l’Antico Testamento, anche i moderni astronomi dividono la nostra galassia in quattro quadranti, ma lo fanno in maniera diversa da quanto avviene nella celebre serie di fantascienza. Intanto usano i numeri da 1 a 4, anziché le lettere greche. Ma la vera differenza sta nel fatto che nella pratica astronomica il polo del sistema di riferimento è nel nostro Sole e non nel centro galattico. Non dobbiamo meravigliarci per l’approccio eliocentrico. D’altra parte tutta la nostra conoscenza astronomica si è accumulata osservando l’Universo da qui e non da altri punti della Via Lattea: risulta quindi comodo considerare casa nostra come il punto di riferimento e adottare il sistema di coordinate individuato dal piano della galassia e dall’asse passante per il suo centro. In Star Trek, invece, il punto di incontro dei quadranti è il centro della galassia. Prendete una mappa della nostra Via Lattea e tracciatevi una croce sopra, con il punto d’incontro delle due linee a coincidere con il centro galattico.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.180 - 2014 alla pagina 82

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento