AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
23 Marzo 2019
Ci sono 243 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Proserpina e il ritorno della Primavera

Nessun commento
Commenta

L’osservazione del cielo, come appare evidente per chi studia l’archeoastronomia, ha avuto un’importanza incalcolabile nelle epoche antiche, non solo superiore a quella che riveste oggi, ma superiore anche a quanto ci aspetteremmo. Non stupisce quindi che praticamente qualsiasi ciclo astronomico osservabile sia stato descritto nei miti o considerato nelle religioni antiche.

Il ciclo astronomico più importante, dopo l’alternanza del giorno e della notte, è quello stagionale ovvero il movimento del Sole in declinazione, da nord a sud e viceversa, durante il compimento del suo percorso annuo lungo l’Eclittica. In questo caso non è però l’osservazione diretta del fenomeno, quello di cui stiamo parlando, ma dei suoi effetti.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.231 - 2019 alla pagina 78: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento