AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
17 Gennaio 2021
Ci sono 262 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Previsioni del tempo PER BUCHI NERI – Stephen Hawking scende di nuovo in campo, ma viene frainteso

Nessun commento
Commenta

buchi neriHa creato molto scalpore in questi giorni il contenuto di una breve nota firmata da Stephen Hawking pubblicata il 22 gennaio scorso; due pagine di testo senza equazioni e figure intitolato con molto humor “Conservazione dell’Informazione e Previsioni del Tempo per i Buchi Neri”, dove il celebre fisico propone una soluzione a un paradosso scoperto un paio d’anni fa. Un lavoro di routine? Nient’affatto, perché secondo la stampa internazionale con questo documento Hawking avrebbe addirittura inteso negare l’esistenza stessa dei buchi neri! Ma le cose stanno proprio così?
Per capirci qualcosa è necessario fare qualche passo indietro, anche e soprattutto a vantaggio dei lettori che non conoscono la fenomenologia dei buchi neri e i dibattiti tra gli specialisti riguardo alle proprietà di questi oggetti così misteriosi. Per dirla in modo semplice, un buco nero è una regione dello spazio-tempo che si forma quando la materia è compressa – per esempio nel collasso gravitazionale di una stella a seguito di un evento di supernova, al di sopra di una certa massa critica – e dà vita così a una zona di attrazione gravitazionale talmente forte da impedire a qualsiasi cosa, compresa la luce, di fuggire da una sfera d’influenza delimitata da una superficie detta orizzonte degli eventi.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.179 - 2014 alla pagina 16

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento