AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Dicembre 2020
Ci sono 248 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

PLUTONE ED ERIS due solitari nella Fascia di Kuiper

Un Commento
Commenta
Plutone - Eris

Ci si aspettava che alla scoperta di Plutone ed Eris sarebbe seguita quella di moltissimi altri oggetti di dimensioni simili, un po’ come è avvenuto per gli asteroidi della fascia principale… Sembra invece che i due “Pianeti nani” siano destinati a rimanere unici nel loro splendido (e un po’ risentito) isolamento.

Con la missione New Horizons ormai in vista di Plutone si sta riaccendendo fortissimo nella comunità astronomica l’interesse per quella remota regione del Sistema solare conosciuta come “Fascia di Kuiper” dove, assieme all’ex pianeta trovato da Tombaugh nel 1930, orbitano parecchi oggetti di taglia quasi-planetaria, scoperti quasi tutti nel periodo 2002-2007.

Chi ha seguito gli avvenimenti di quegli anni, del resto raccontati in molti articoli di questa rivista, ricorderà senz’altro che dopo un periodo di grandi scoperte, culminate con quella di Eris, il flusso di buone notizie cessò improvvisamente. Tanto che a qualcuno sembrò che fosse stato il convegno di Praga del 2006 – dove era stata sancita la decadenza di Plutone dal rango di pianeta – a mettere la parola fine alle scoperte, demotivando i ricercatori e trasformando di fatto la ricerca di nuovi pianeti nella meno fascinosa e remunerativa “ricerca di pianeti nani”. Da allora in poi, infatti, solo scoperte di routine e nessun nuovo Eris all’orizzonte…

A fare chiarezza sulle vere motivazioni di quella piccola delusione data a milioni di appassionati è arrivato proprio di recente un articolo di Michael Brown, l’astronomo che trovò Eris e che di quel periodo fu il protagonista principale. Motivazioni che sono figlie della finalità dell’articolo stesso, scritto per annunciare alla comunità astronomica che nella Fascia di Kuiper resta ancora molto poco da scoprire…

Diceva l’astronomo americano Fred Whipple che se si vuole continuare a considerare il Sistema solare secondo la familiare rappresentazione tuttora utilizzata da molti manuali divulgativi, con il Sole al centro di un sistema di ordinate ellissi complanari, diventa davvero difficile inserire nel contesto anche le remote, caotiche e misteriose regioni al di là di Nettuno…

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.191 - 2015 alla pagina 16

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Commenta

Un Commento a “PLUTONE ED ERIS due solitari nella Fascia di Kuiper”

  1. domenico saba scrive:

    Perche non mi appaiono le riviste di abbonamento sull’ app android e invece mi appaiono sul sito?

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento