AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
2 Luglio 2020
Ci sono 242 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Pitagora e l’armonia dell’Universo

Nessun commento
Commenta

Cellarius_Harmonia_Macrocosmica

L'antica visione dell'universo prevedeva otto sfere o cieli concentrici di sostanza eterea, che Tolomeo in seguito portò a nove, ruotanti al di sopra della Terra, ognuna recante con sé un pianeta. Partendo dalla più esterna erano: Primo mobile, Stelle fisse (o Zodiaco), Saturno, Giove, Marte, Sole, Venere, Mercurio, e Luna. Opera di Andreas Cellarius – Harmonia macrocosmica seu atlas universalis et novus, totius universi creati cosmographiam generalem, et novam exhibens. III Lasta – Orbium Planetarum Terram Complectentium Scenographia.

«Dio ha creato i numeri naturali, tutto il resto è opera dell’uomo»: così recita un famoso aforisma attribuito al matematico Leopold Kronecker (1823-1891). Questa frase riassume in maniera vivida l’idea che il concetto di quantità come conteggio sia insita nella natura. I numeri 1, 2, 3, … (chiamati naturali o interi positivi o a volte semplicemente “interi”) rappresentano quindi la maniera in cui l’essere umano manifesta quella capacità di contare che fin da tempi remotissimi ne ha accompagnato lo sviluppo intellettivo. Un’idea antica, la cui elaborazione raggiunse un culmine nella filosofia di Pitagora di Samo (c. 570-495 a.C.) e della sua Scuola, fondata a Crotone e trasferita poi a Metaponto.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.245 - 2020 alla pagina 70: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento