AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Marzo 2021
Ci sono 187 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Omega Centauri, lo sapevate? È visibile dalla Sicilia

Nessun commento
Commenta
cielo sepolto

Se da Palermo il re degli ammassi globulari, e cioè il mitico Omega Centauri, si potrebbe in teoria osservare a un'altezza di circa +4,5°, il posto migliore della Sicilia per tentare l'impresa è tuttavia la costa meridionale, dove l'ammasso (indicato dal quadrato giallo) si alza fino ai +5,5° ed è osservabile sopra lo sgombro orizzonte marino.

Il Centauro è una costellazione che si estende in declinazione per più di trenta gradi a cavallo del parallelo celeste dei –45°, ed è perciò osservabile solo parzialmente alle nostre latitudini. Stracolma di stelle molto brillanti, è famosa anche tra i non astronomi soprattutto per il fatto di ospitare la stella più vicina al Sole, ossia il sistema triplo di Alfa Centauri (vedi Coelum n.156 “La storia di Proxima Centauri”) anch’esso purtroppo inosservabile dalla nostra penisola.
Incredibilmente, ciò che invece è possibile vedere da un qualche punto del territorio italiano (sia pure con le difficoltà del caso) è un oggetto altrettanto famoso; ovvero Omega Centauri (NGC 5139), l’ammasso globulare più luminoso del cielo. E diciamo “incredibilmente” perché veramente in pochi, anche tra gli appassionati di cose celesti, sanno che questo magnifico oggetto è in grado di alzarsi, sia pur di poco, anche sui nostri orizzonti. L’ammasso si trova infatti a –47,5° di declinazione, per cui in teoria può essere visto fino a latitudini di 42,5° nord.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.181 - 2014 alla pagina 56

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento