AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
11 Aprile 2021
Ci sono 280 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Novità dal Mondo dell’Astronomia

Nessun commento
Commenta

Optec FastFOCUS SMFSOptec FastFOCUS SMFS
Il costruttore americano Optec Inc. ha presentato un nuovo sistema di messa a fuoco per telescopi Schmidt-Cassegrain basato  sulla movimentazione elettrica dello specchio secondario. È stato progettato per SC compatibili con gli adattatori Fastar/Hyperstar, quindi in pratica con i Celestron Fastar e soprattutto per gli astrografi Celestron Edge HD che, contrariamente a tutti i normali SC classici, possiedono una lunghezza focale fissata da disegno, ottenuta mantenendo un retrofuoco (back-focus) ottimale di circa 147 mm..

Una nuova linea di camere CCD dalla SBIG
La società californiana Santa Barbara Instrument Group (SBIG), nota e apprezzata in tutto il mondo per la qualità e l’affidabilità dei suoi CCD a doppio sensore e di autoguida, ha presentato le STT, una nuova serie di camere che farà fare, a mio avviso, un grosso passo avanti alla tecnologia dell’imaging astronomico. Infatti, i modelli precedenti, soprattutto quelli appartenenti alle fortunate serie ST e STL, avevano il grosso limite di possedere il sensore di guida posizionato di fianco al sensore principale e di conseguenza dietro alla ruota portafiltri.

Lunt LS152THa: un rifrattore solare “convertibile”

Uno degli svantaggi di un telescopio solare è che può essere usato per osservare un solo oggetto: il Sole. Se poi si tratta, come accade nella grande maggioranza dei casi, di un telescopio solare H-alfa, il Sole può essere osservato unicamente nella banda dell’idrogeno ionizzato, limitandone ulteriormente l’uso.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.162 - 2012 alla pagina 55

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento