AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Marzo 2021
Ci sono 192 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Novità dal Mondo dell’Astronomia

Nessun commento
Commenta

Astrografo Riccardi

Astrografo Riccardi Dall-Kirkham (RIDK 300)

La moda della fotografia astronomica del cielo profondo continua a imperversare e i produttori di ottiche e di strumenti completi continuano a sfornare prodotti sempre più perfezionati dedicati a questa nicchia del mercato. Non fa eccezione l’azienda italiana Officina Stellare che dall’anno scorso produce interamente le proprie ottiche, affidate alle esperte mani del celebre progettista ottico ferrarese Massimo Riccardi. L’ultima creazione di Riccardi è l’astrografo RIDK 300, un Dall-Kirkham a campo corretto, per molti aspetti simile agli americani Planewave e ai britannici Orion ODK.

Barlow 2.5x Celestron Luminos 2″

La lente di Barlow è un accessorio indispensabile sia per i visualisti che, soprattutto, per gli astroimager – di Sole, Luna e pianeti – che hanno bisogno di allungare la focale ad almeno 4 metri per sfruttare nel migliore dei modi la risoluzione del sistema telescopio-camera senza degradare la qualità “nativa” dell’ottica.

ES 30 mm 100 gradi, il più grande oculare ultrawide-100 del mondo

L’estensione del campo apparente inquadrabile da un oculare dipende in modo diretto dal diametro del suo diaframma di campo. La moda degli oculari Ultrawide con campo apparente di 100 gradi, utili soprattutto agli utilizzatori di telescopi Dobson senza inseguimento, sta quindi spingendo i maggiori produttori ad andare al di là del diametro di 2 pollici, per allargare il diaframma di campo per essere in grado di allungare la focale oltre il limite attuale che è di 21 mm.

10Micron lancia le schede WiFi per il controllo senza fili delle sue montature

È da vari anni che scrivo sul mio sito e in questa rubrica che il futuro dei telescopi e degli accessori per l’astronomia sarà wireless, cioè senza fili, e che le pulsantiere con hardware “dedicato” diventeranno inevitabilmente “virtuali” ovvero applicazioni (App) per tablet e smartphone.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.171 - 2013 alla pagina 47

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento