AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
2 Giugno 2020
Ci sono 183 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Novità dal mondo dell’astronomia

Nessun commento
Commenta

Telescope Doctor

Skylight 102ED – Un moderno rifrattore ED con un look originale e un po’ vintage

Il costruttore britannico Skylight Telescopes– che già aveva attirato la nostra attenzione per la sua gamma di rifrattori “lunghi”intubati in stile vittoriano – ha presentato un nuovo strumento dedicato a chi preferisce telescopi più compatti e portatili senza rinunciare alla correzione tipica dei rifrattori di lunga focale. Infatti il nuovo rifrattore Skylight 102ED raggiunge un’elevata correzione cromatica e geometrica grazie all’utilizzo di un obiettivo dotato di un elemento in vetro ED che riduce lo spettro secondario, pur mantenendo il rapporto focale a un comodo f/7.

DUE SOLUZIONI PER COMBATTERE LA CONDENSA:
1) Le Fasce Anticondensa Astrohobby No Wet
La condensa dell’umidità è un fenomeno fastidioso che può rendere impossibili le osservazioni e le riprese fotografiche, causando il totale appannamento delle ottiche degli strumenti, inclusi oculari, cercatori, telescopi di guida, sensori CCD. La condensa è dovuta al contatto dell’aria umida con un materiale più freddo, e con una grande superficie esposta, che fa raggiungere al vapore acqueo sospeso nell’atmosfera il cosiddetto “punto di rugiada”, dando luogo alla formazione di un velo di goccioline d’acqua depositate sui nostri preziosi telescopi e accessori. Un modo per combattere la formazione della condensa consiste nel restringere drasticamente “l’angolo solido” della superficie esposta all’aria circostante attraverso il montaggio di un lungo tubo paraluce (chiamato dagli anglo-sassoni, in modo molto efficace, “dew cap” ovvero tappo per la condensa) davanti all’apertura del telescopio.
2) la Tenda Astronomica Smart Astronomy
Gli osservatori e gli astroimager più esperti sanno bene che un buon sistema per proteggere il telescopio e loro stessi dall’umidità della notte consiste nel restare sotto un riparo che può essere anche un semplice ombrellone. Ovviamente questo semplice accorgimento non permette però di ripararsi dal vento, oltre a impedire di puntare il telescopio verso la zona dello zenit. Una soluzione perfetta per trovare riparo dai rigori della notte astronomica consiste nel montare il telescopio all’interno di una “tenda astronomica”, come quella proposta dall’azienda americana SmartAstronomy, che chiama questo prodotto “clear view portable observatory tent with fly cover” (tenda osservatorio portatile con tetto apribile).

Dall’Inghilterra Kit cinghie e pulegge per HEQ5/EQ6

Le montature più diffuse sul mercato odierno sono sicuramente le SkyWatcher HEQ5 ed EQ6, che sono sicuramente robuste e affidabili anche se piuttosto rumorose e con un backlash piuttosto consistente, a causa della trasmissione intermedia tramite ingranaggi a denti diritti. Per ovviare a questi difetti, il produttore britannico Rowan Astronomy ha realizzato dei kit che sostituiscono la trasmissione a ingranaggi con pulegge e cinghie dentate di alta qualità. La trasmissione tramite cinghie e pulegge riduce gli errori tipici degli ingranaggi a denti dritti e quindi anche quelli di inseguimento. Le cinghie, inoltre, abbassano in modo significativo la rumorosità tipica degli ingranaggi metallici montati di serie. Il rapporto di riduzione delle pulegge è lo stesso di quello originale e quindi il funzionamento resta identico a quello fornito con il sistema Synscan di serie.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.180 - 2014 alla pagina 34

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento