AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
19 Gennaio 2020
Ci sono 208 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Notiziario di Astronautica

Nessun commento
Commenta

Imbragatura Macaco

L’altamente tecnologica imbragatura con cui il piccolo macaco è stato costretto a collaborare al piano spaziale iraniano.

L’Iran si crede nello spazio, ma è ancora nel medioevo

Lancio suborbitale con a bordo una scimmia. Ha suscitato polemiche in molti ambiti il lancio eseguito dall’Iran a fine gennaio. Si è trattato di un test suborbitale che trasportava a bordo una scimmia (di razza Macaca Mulatta) e “pare” si sia svolto in modo perfetto senza provocare danni al primate a bordo. Le prime polemiche riguardano la perplessità delle altre nazioni riguardo alla prosecuzione dei test e lanci missilistici del regime iraniano che preoccupano soprattutto Israele. E non serve a molto che l’Iran sia un membro fondatore del Comitato delle Nazioni Unite per gli Usi Pacifici dello Spazio Esterno, istituito nel 1959: i timori che il programma spaziale del paese di Ahmadinejad possa avere ricadute militari sono sempre all’ordine del giorno. Ma ci sono state anche lamentele riguardo la decisione di mettere un animale a bordo dell’esperimento, cosa vista esclusivamente per uno scopo propagandistico.

Pronti gli specchi del James Webb Space Telescope

È stata completata la costruzione degli specchi in berillio del percorso ottico del più grande telescopio spaziale mai costruito, destinato a sostituire Hubble come strumento di punta della ricerca astronomica internazionale. Tutti gli specchi (il primario è composto da 18 specchi esagonali per una superficie totale di oltre 25 metri quadrati) sono stati realizzati con la superficie riflettente in berillio dorato, un materiale che ha comprovato la sua stabilità dimensionale alle temperature a cui il telescopio funzionerà.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.168 - 2013 alla pagina 12

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento