AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
28 Gennaio 2020
Ci sono 285 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line

Notiziario Astronomico

Nessun commento
Commenta

Le dimensioni e le masse dei pianeti “gemelli” Terra e Venere messe a confronto con quelle di Marte.

Le dimensioni e le masse dei pianeti “gemelli” Terra e Venere messe a confronto con quelle di Marte.

Da Hubble a Hubble – Osservando la stella che cambiò l’Universo
Il Telescopio Spaziale Hubble punta sulla variabile V1, la stella che portò Edwin Hubble a rivoluzionare il concetto stesso di universo.

Marte è piccolo? Colpa di Giove
Se le dimensioni e la massa del pianeta rosso sono decisamente inferiori a quelle di Terra e Venere, le ragioni e i colpevoli vanno cercati nel passato del Sistema solare. Un nuovo studio, pubblicato su Nature, punta il dito contro Giove.

Ancora una Supervnova in M51!
Ad appena 6 anni di distanza, una stella “ospite” torna ad accendersi nella notissima galassia dei Cani da caccia.

Messier osservò l’asteroide Pallas ma lo scambiò per una stella
Charles Messier (1730-1817), il primo sistematico “cacciatore di comete”, scoprì come tutti sanno parecchie decine di oggetti del profondo cielo nel corso delle sue anticipatorie survey della volta celeste; tutti poi inclusi nel catalogo che porta il suo nome, e annotati nelle carte celesti che andava disegnando per tenere traccia del percorso delle sue amate comete. In una di queste carte, completata nella primavera del 1779 per seguire la traiettoria della cometa (poi designata come C/1779 A1) scoperta da Johann
Bode il 6 gennaio dello stesso anno, Messier aveva aggiunto anche 138 stelle di cui egli stesso aveva misurato la posizione.

Censura cosmica a colpi di luce
Basteranno pochi milioni di anni perché questa nube di gas, dalla forma a dir poco maleducata, venga cancellata. Si tratta di una struttura minore, chiamata con ironica irriverenza “il gesto di Dio” ed è osservabile all’interno della Nebulosa Eta…

La forma delle galassie? E’ scritta nelle stelle
Osservando il movimento delle stelle, i ricercatori del progetto ATLAS3D sono riusciti a stabilire che molte delle galassie tradizionalmente ritenute ellittiche sono in realtà simili alle galassie a spirale. La scoperta mette in discussione la sequenza di Hubble sulla loro classificazione.

Alberi su Marte
Dopo i canali, i volti e le figure umane, su Marte si vedono anche gli alberi. Ma è solo un’altra, suggestiva,
illusione ottica.

La DAWN è ormai nei pressi di VESTA!
Nel notiziario dello scorso numero accennavamo al fatto che la sonda Dawn, in piena manovra di avvicinamento a Vesta, suo prossimo target esplorativo, avrebbe iniziato a riprendere immagini dell’asteroide, con una risoluzione paragonabile alle migliori fotografie ottenute dal Telescopio Spaziale Hubble, già a partire dal mese di giugno.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.150 - 2011 alla pagina 6

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento