AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
22 Settembre 2019
Ci sono 313 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

MOEBIUS dentro Moebius

Nessun commento
Commenta

moebiusÈ superfluo che io ricordi come sono fatti gli anelli di Saturno: i miei lettori li conoscono molto meglio di me, avendoli mille volte osservati, studiati e fotografati. Mi limiterò a dire che, da un punto di vista puramente geometrico, assomigliano a una corona circolare avvolta attorno al pianeta, dallo spessore pressoché trascurabile (una decina di metri!) e compresa tra un bordo interno molto sfumato che arriva a circa 7000 km dalla superficie e un bordo esterno più netto a oltre 120 mila chilometri. Queste le aride cifre, ma ora vi chiedo di fare un piccolo sforzo di fantasia: immaginate che a un certo punto, a causa di chissà quale inverosimile cataclisma, l’anello cominci a contorcersi, sviluppando una mezza torsione, come si vede in figura (e come del resto è mostrato anche nel logo della rubrica). Impressionante, no? State tranquilli, la probabilità che gli anelli di Saturno si deformino in tal modo è praticamente nulla, ma niente ci vieta di fantasticare. Un anello di questo tipo (chissà quante altre volte ne avrete sentito parlare) ve lo potete fabbricare comodamente anche a casa vostra. Ritagliate una striscia di carta, e incollate tra loro le estremità, non prima di avere praticato una mezza torsione a uno dei due lembi. Il nastro che otterrete ha lo stesso nome della rubrica che state leggendo: è infatti intitolato ad August Ferdinand Moebius (1790-1868), il matematico e astronomo tedesco che nella prima metà dell’Ottocento ne indagò le proprietà geometriche. Già, perché in questo oggetto le sorprese non mancano di certo.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.179 - 2014 alla pagina 82

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento