AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
21 Novembre 2019
Ci sono 227 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Mercurio e l’enigma degli hollow

Nessun commento
Commenta

Mercurio, il primo pianeta del Sistema Solare, non è certo uno dei pianeti più distanti dalla Terra e si potrebbe pensare quindi che non siano poi tanti i misteri che aleggiano attorno a questo piccolo pianeta, cosa che invece non si può dire dei più affascinanti e remoti pianeti del nostro sistema planetario. Eppure Mercurio, nel corso della storia dell’esplorazione dello spazio, ha saputo incuriosire e catturare l’attenzione degli astronomi in molti modi, riuscendo a custodire gelosamente i suoi segreti.
Uno di questi enigmi riguarda alcune particolari formazioni superficiali che, dal momento della loro scoperta, hanno subito attirato l’interesse degli studiosi: sono gli “hollow”, strane e irregolari depressioni molto brillanti e poco profonde, solitamente presenti all’interno dei crateri di impatto, sui loro bordi e picchi centrali. Le loro origini e caratteristiche peculiari li hanno resi un vero e proprio mistero per lungo tempo, un enigma che forse però potrebbe essere stato finalmente svelato…

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.238 - 2019 alla pagina 36: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento