AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
10 Aprile 2021
Ci sono 179 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Meglio una CAMERA CCD o una REFLEX DIGITALE? – 4 Lo abbiamo chiesto a tutto il mondo. Ecco le risposte

Nessun commento
Commenta

Galassia Girandola

La Galassia Girandola (M101) di Colin McGill. Ripresa il 5 maggio 2014 dall’Astro Camp di Nerpio (Albacete, Spagna) con una Atik 460 EX. Lo strumento utilizzato è un RC Ian King Ikharos 8\

Pubblichiamo di seguito la quarta parte delle numerose risposte ricevute dagli astrofotografi a cui abbiamo chiesto un parere sulle loro preferenze in tema di camere da ripresa (vedi anche Coelum n. 188, 189 e 190). L’inchiesta si concluderà il prossimo numero, dove tireremo anche le somme.

COLIN ANDREW MCGILL
Weybridge – Regno Unito
34 anni, programmatore informatico

Sono ben lieto di contribuire a questo interessante sondaggio. Se sia migliore il CCD o la reflex digitale… io ho sempre solo usato CCD nell’imaging, quindi non sono nella posizione migliore per esprimere un parere oggettivo tra i due strumenti di ripresa, ma ho notato un enorme miglioramento nelle mie immagini passando dal raffreddamento passivo della Meade DSI a quello della Atik 314L+. Il raffreddamento fa infatti una grande differenza per le immagini, ed è probabilmente più importante della stessa scelta tra CCD o DSLR. Succesivamente sono passato alla Atik 460ex proprio grazie alla precedente esperienza con la 314L. Monta infatti lo stesso tipo di chip, appena più grande ma con una migliore QE. E la “corrente di buio” è abbastanza bassa da non avere bisogno di dark, il che semplifica l’elaborazione e l’imaging. Avendo uno strumento montato in modo permanente in un sito buio come l’Astrocamp a Nerpio, questa caratteristica mi offre un grande vantaggio e fa la differenza in fatto di frequenza di riprese…

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.191 - 2015 alla pagina 38

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento