AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
25 Giugno 2018
Ci sono 326 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

MARGHERITA HACK ED IO – Il racconto di un’amicizia durata più di trent’anni – Parte 1

Nessun commento
Commenta

Margherita Hack

LA BANDA DEI QUATTRO La direzione di “l’astronomia”, quella che Aldo chiamava “la banda dei quattro” (reminiscenze della Rivoluzione Culturale cinese): aggiungeva che il migliore era quello seduto.


L’ultima volta che ho parlato con Margherita, al telefono, è stato in occasione del suo novantunesimo compleanno, il 12 giugno scorso. Facendole gli auguri, sentivo nella cornetta l’affanno di lei, il suo respiro corto. Ogni volta che la chiamavo era sempre più corto, ma ciò accadeva ormai da qualche anno, dopo l’operazione al cuore da cui non si era mai ripresa completamente. Per cui non ebbi motivo d’allarmarmi, anche perché parlammo di programmi per il futuro, in particolare del libro che stava terminando: «È sull’Italia, su come vorrei che fosse; per finirlo mi ci vorranno ancora un paio di mesi». Dunque, Margherita guardava in avanti. Invece, da lì a pochi giorni ci fu il crollo repentino: il suo cervello sempre lucido e vigile la avvertì che l’ora era giunta e lei dispose d’essere ricoverata, in incognito, e che i medici la lasciassero spirare in pace.
Ad ogni nostra chiacchierata telefonica Margherita mi confessava d’essere molto stanca, sicché mesi addietro m’ero permesso d’invitarla, con una certa energia, a porre fine agli impegni – in primis alle conferenze in giro per l’Italia – che le costavano troppa fatica. A lei, ma anche al marito Aldo, l’inseparabile Aldo che la seguiva sempre. Non che lei non c’avesse pensato, ma quella volta sembrava proprio decisa a ridurre le trasferte. In realtà, quindici giorni dopo mi confessò d’averne fatte ancora due, evidentemente concordate da tempo. Margherita aveva dato la sua parola agli organizzatori e mai se la sarebbe rimangiata!

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.173 - 2013 alla pagina 22

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento