AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
21 Agosto 2018
Ci sono 275 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Lo spirito di un Natale futuro

Nessun commento
Commenta

Natale FuturoÈ ormai sera quando la giornalista del Corsera giunge nella città dell’appuntamento. Cade un nevischio gelido di primo inverno, e tutto appare stranamente soffuso da una calda e confortevole luce. Anche qui, come ormai dovunque nel mondo libero, l’illuminazione globale ha gradualmente sostituito la luce del giorno, rendendo inavvertibile l’arrivo della notte.
L’area metropolitana occupa ormai i due terzi dell’intero paese, risparmiando soltanto le zone più impervie e alcuni tratti di pianura che le autostrade intubate costeggiano come serpenti assediati da una notte relativa e crepuscolare: piccole regioni disabitate e non servite dalla luce perpetua, che in lei provocano sempre un brivido intenso quando in viaggio come oggi si ritrova a guardare fuori dal finestrino e a chiedersi sgomenta: «Ci vivrà qualcuno lì fuori?»

Adesso è proprio arrivata. Procede lenta fino all’ingresso della caotica costruzione a sette piani, inoltrandosi poi nei lunghi viali che conducono verso i padiglioni più lontani. Si ferma, fuori continua a nevicare, fa freddo e non avrebbe nessuna voglia di scendere; apre la borsa e si mette a sfogliare un bloc-notes fitto di appunti, ripassandoli a bassa voce: «Attilio Bogi, 106 anni, a quanto pare l’ultimo essere umano in vita di questo paese a ricordarsi di aver visto le stelle. Ne parla continuamente agli altri ricoverati. Affrettarsi, può non averne per molto».

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.187 - 2014 alla pagina 52

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento