AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
9 Agosto 2020
Ci sono 303 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Livio Gratton (1910-1991) – Viaggio di un astronomo attraverso il ventesimo secolo – Parte 9

Nessun commento
Commenta
osservatorio Monte Porzio

Due rare fotografie riprese nel 1939 durante i lavori di costruzione di quello che avebbe dovuto essere il grande Osservatorio Nazionale di Monte Porzio Catone. Il complesso fu costruito per installare la strumentazione ottica d’avanguardia che Hitler aveva promesso di donare all’alleato italiano in occasione della sua visita a Roma, nel maggio del 1938. Interrotto il cantiere a causa degli eventi bellici (le cupole furono requisite dalle truppe tedesche occupanti, mentre la strumentazione ottica, presa come bottino di guerra dai Russi, non giunse mai in Italia) il completamento fu ripreso nel dopoguerra, destinato solo a funzioni amministrative, didattiche e museali.

Dopo il rientro dall’estero Livio Gratton lavorò a Merate dal 1934 al 1948, con una pausa dovuta alla guerra. Furono anni di lavoro fecondo e maturazione non solo scientifica. Nel 1939 Livio si sposò con Margherita Trasimeni, e l’anno seguente, poco dopo l’entrata in guerra dell’Italia, nacque il primo figlio Giulio. Questo il suo racconto. “I miei lavori cominciavano ad essere conosciuti in Italia ed anche all’estero, e nell’estate 1935 accompagnai Bianchi a Parigi per l’Assemblea dell’Unione Astronomica Internazionale, di cui egli era vicepresidente e di cui fui nominato allora membro. Incontrai in quell’occasione moltissimi scienziati di tutto il mondo, che conoscevo di fama, e vi ritrovai anche i miei amici olandesi e svedesi. Oggi vi sono tanti convegni, che è divenuto impossibile tener dietro anche solo a quelli di una data specialità, ma allora le Assemblee dell’Unione erano praticamente i soli Congressi astronomici internazionali e vi accorrevano centinaia – in seguito più di un migliaio – di partecipanti. Oltre a ritrovare quasi tutti gli astronomi conosciuti in Olanda ed in Svezia, vi conobbi Shapley, Eddington, Minnaert e molti altri.”

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.165 - 2012 alla pagina 24

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento