AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
26 Maggio 2020
Ci sono 268 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Livio Gratton (1910-1991) – Viaggio di un astronomo attraverso il Ventesimo secolo – 2

Nessun commento
Commenta
Livio Gratton

Livio Gratton

In questa serie di articoli, ripercorreremo la carriera scientifica di Livio Gratton, uno dei padri dell’astrofisica italiana. Lo faremo usando una serie di estratti dell’autobiografia che Livio scrisse poco prima di morire e che in effetti risulta incompleta arrivando sino ai primi anni Sessanta. Livio visse anni drammatici e di grande cambiamento: l’Italia e il mondo scientifico della prima metà del Novecento sono ormai molto lontani dalla nostra esperienza quotidiana. Rileggere le sue memorie di quegli anni ha perciò non solo il fascino della suggestione dei ricordi ma permette anche di ricostruire un mondo e di capire le origini e valutare l’importanza del nostro patrimonio culturale.
Superati gli esami del primo anno di Università, durante l’estate del 1928, Livio Gratton iniziò a frequentare l’Osservatorio Astronomico di Roma, diretto da Giuseppe Armellini. Come risulta dalla sua descrizione, l’ambiente degli Osservatori era allora completamente diverso da quello odierno…
PARTE 2. L’Osservatorio Astronomico di Roma nel 1928

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.158 - 2012 alla pagina 32

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento