AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
16 Dicembre 2018
Ci sono 185 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

L’incontro con Saturno

Nessun commento
Commenta

Proprio come nel caso di Giove, quando le Voyager raggiunsero il grande pianeta con l’anello, nel novembre 1980 (Voyager 1) e nell’agosto 1981 (Voyager 2), le due sonde gemelle non erano le prime a visitare quella zona del Sistema Solare. Il primato spetta infatti alla precedente sonda Pioneer 11, che aveva anticipato le Voyager di un solo anno.
Sebbene il flyby con Saturno fosse inevitabilmente condotto ad alta velocit? (circa 15 km/s), la visita delle sonde permise agli studiosi di raccogliere una grande quantità di informazioni già a partire dai mesi precedenti e, come sempre accade, di sollevare nuovi interrogativi: un’eredità raccolta dalla successiva missione Cassini, da poco conclusasi.
I principali punti di interesse su Saturno erano gli anelli, l’atmosfera del pianeta e, ovviamente, le sue lune.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.217 - 2017 alla pagina 66: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento