AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
21 Gennaio 2020
Ci sono 283 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line

Le prime spirali del cielo

Nessun commento
Commenta

Il disegno di M51 realizzato nel 1850 da Lord Rosse

Il disegno di M51 realizzato nel 1850 da Lord Rosse, uno dei primi in assoluto in cui fu evidenziata la struttura a spirale di una “nebulosa”, come al tempo venivano chiamate anche le galassie. In realtà questa è solo una stampa realizzata con il metodo della puntinatura, ricavata dal disegno originale dal tratto più sfumato.

Fino a metà dell‘800 il disegno era il metodo di indagine più diffuso in astronomia. E proprio su questo campo gli astronomi dell’epoca si sono sfidati su chi per primo sarebbe riuscito a definire la forma e la natura di quelle evanescenti “nebulae” che oggi sappiamo essere galassie.

Il periodo d’oro dell’osservazione visuale in astronomia viene di solito identificato con la “scoperta” dei canali di Marte, ma in realtà anche nei decenni precedenti si giocò una sfida osservativa decisamente avvincente:quella tra chi sarebbe riuscito per primo a definire la forma e la natura delle evanescenti nebulose che in quegli anni si stavano rivelando solo ai pochi possessori di grandi telescopi a specchio.
Una sfida che in attesa dello sviluppo della tecnica fotografica fu combattuta a colpi di splendidi disegni tracciati a più riprese in lunghe notti passate all’oculare.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.147 - 2011 alla pagina 34

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento