AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
16 Settembre 2019
Ci sono 287 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

La musica dei pianeti

Nessun commento
Commenta

Moebius harmonici liberI miei lettori sanno bene che il silenzio regna, eterno e incontrastato, negli spazi sconfinati che separano un pianeta dall’altro: nel vuoto cosmico, infatti, le onde sonore non possono propagarsi. Eppure, secondo uno dei concetti filosofici più antichi – la cosiddetta musica delle sfere, o musica universale – l’intero cosmo è una sorta di grande organo che suona grazie ai movimenti degli astri. L’idea di un universo musicale, d’altra parte, è ricorrente in molte culture. Alcune mitologie descrivono una genesi del mondo provocata da un canto o da un suono. Pitagora era convinto che tutto, nell’universo, fosse governato dalla matematica. Grazie al suo monocordo, osservò che facendo vibrare una corda si ottiene un suono che è tanto più grave quanto più lunga è la corda. Non solo, il filosofo di Samo comprese che l’orecchio umano percepisce come piacevole un insieme di note quando esse corrispondono a lunghezze legate insieme da rapporti aritmetici semplici. Pitagora immaginò che i cinque pianeti allora conosciuti, più il Sole e la Luna, si comportassero come immense corde di lunghezze diverse, che permeavano l’universo con le loro sette note. Secondo la leggenda, il filosofo entrava addirittura in stato di trance per poter percepire questi suoni cosmici.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.195 - 2015 alla pagina 82

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento