Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
22 Settembre 2017
Ci sono 238 utenti collegati
Atik Cameras
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

La Luce Cinerea

Nessun commento
Commenta

luce cinerea

La Luna è sicuramente lo spettacolo che più di tutti ha da sempre affascinato l’umanità. Avendo un moto regolare, ha insegnato agli uomini innanzitutto il concetto del tempo, ma non solo, ha elevato il cuore dei poeti fino a far comporre i bellissimi versi di Leopardi nella sua “La sera del dì di festa”. Anch’io sono sempre stata stregata dal nostro satellite. Ricordo ancora con emozione la prima volta che osservai la Luna con il piccolo binocolo di mio padre: i suoi crateri così ben definiti, i suoi mari così vasti e immensi, il suo mutare giorno dopo giorno… Tutto questo ha sempre catturato la mia fantasia e fatto nascere in me delle sensazioni difficili da spiegare a parole e che solamente chi le ha già provate riesce a comprendere. Ai tempi della scuola provai a raffigurare i paesaggi magici e le splendide situazioni che mi si presentavano, purtroppo però la mia scarsa attitudine al disegno fece sopire questa spinta che invece, fortunatamente, ritrovai scoprendo la fotografia astronomica. Nel 2010 riuscii finalmente ad acquistare in modo autonomo la mia prima attrezzatura fotografica, in cui ovviamente non poteva mancare un bel teleobiettivo per poter riprendere la Luna in tutto il suo splendore. Nel numero di ottobre abbiamo già parlato di come riprendere il nostro satellite naturale, ma una delle fasi più spettacolari secondo me si presenta nei pochi giorni che precedono e seguono il novilunio.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.207 - 2017 alla pagina 98

Hai letto questo articolo su Coelum oppure Online?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento