AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
16 Ottobre 2018
Ci sono 270 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

La Lince – I Parte

Nessun commento
Commenta

Mappa Lince

Il cielo delle fredde serate di febbraio è dominato allo zenit dalla luminosa Capella (α Aur). Tra questa, quinta stella più luminosa dell’intera volta celeste, e il Grande Carro, che si appresta a raggiungere la massima altezza sull’orizzonte nord, vi è una grande area oscura, priva di astri appariscenti. Proprio perché questa parte del cielo è relativamente “vuota”, nei secoli scorsi divenne oggetto di quei cartografi celesti che, pur di non avere planisferi poco ricchi di disegni e figure, tendevano a “riempire” qualsiasi zona del cielo “vuota” con nuove figure, spesso a riflesso di mode e tendenze del tempo.

Struttura e Visibilità

La Lince è estesa su un’area irregolare di 545 gradi quadrati, compresa tra le costellazioni Giraffa, Auriga, Cancro, Leone Minore e Orsa Maggiore, risultando quindi quasi interamente circumpolare alle nostre latitudini. Al suo interno, le stelle visibili a occhio nudo in una limpida serata senza Luna sono circa una trentina, la maggior parte però molto deboli. Sono solo due quelle con magnitudine inferiore alla quarta e la più luminosa di queste, α Lyn, è appena più debole della terza grandezza.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.208 - 2017 alla pagina 132: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento