AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
16 Dicembre 2019
Ci sono 177 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

La guerra dei TELESCOPI tra Piazza Navona e Montecitorio

Un Commento
Commenta
Eustachio Divini

Un particolare della tela dipinta da Mariano Piervittori nel 1884 rappresenta Eustachio Divini (1610-1685) mentre presenta un suo telescopio al Granduca di Firenze Ferdinando II (Sala del Consiglio del Palazzo Comunale di San Severino Marche). Divini costruì strumenti apprezzati in tutta Europa, quali lenti e microscopi, ma soprattutto cannocchiali, di cui si avvalse anche in prima persona per ricerche su Luna e pianeti. Famosa la sua lunga e acre controversia con Christiaan Huygens relativamente all’esistenza dell’anello di Saturno. A lui spetterebbe anche il merito di aver introdotto in astronomia l’uso del micrometro.

Circa 350 anni fa, si svolse a Roma una delle più singolari sfide mai viste tra due uomini di scienza. Non fu uno dei tanti “cartelli matematici” così in voga al tempo, ma il confronto tra due costruttori di telescopi per stabilire la supremazia dei propri prodotti. La vivida descrizione di questi episodio è stata adattata per Coelum da un capitolo del libro “Il cielo sopra Roma”, dell’astronomo Roberto Buonanno.
Ancora oggi, a Roma, è possibile trovare traccia delle vecchie Confraternite dei mestieri; specialmente in alcuni nomi legati alla loro chiesa di riferimento, come la Confraternita di Santa Maria della Quercia dei macellai e la Confraternita dei marmorai della chiesa dei Santi Quattro Coronati. Altri indizi si trovano nel nome di una quantità di vie, vicoli e piazze che richiamano alle attività che vi si esercitavano: Balestrari, Barbieri, Baullari, Canestrari, Cappellieri, Cestari, Chiavari, Chiodaroli, Ombrellari, Sediari, Funari, Falegnami, Pianellari… sono questi solo alcuni dei mestieri che ritroviamo ricordati nella toponomastica romana e che stanno ad indicare la consuetudine degli artigiani che esercitavano la stessa arte a riunirsi in un singolo luogo.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.167 - 2013 alla pagina 20

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Commenta

Un Commento a “La guerra dei TELESCOPI tra Piazza Navona e Montecitorio”

  1. claudio broggi scrive:

    Mi ero illuso,leggendo il titolo dell’articolo,che ci fosse stata a Roma una battaglia fra “astroamateur on the road” ,fra manifestazioni di astrofili che per la strada facessero vedere stelle e pianeti…..troppo bello sarebbe..

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento