AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
18 Luglio 2018
Ci sono 205 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

La forza dei campi magnetici delle macchie solari

Nessun commento
Commenta

La misurazione della forza dei campi magnetici umbrali delle macchie solari con la spettroscopia e l’effetto Zeeman: storia di un lavoro da professionista per un astronomo dilettante.

Il primo commento di un amico astrofilo all’atto della presentazione del mio lavoro sui campi magnetici solari fu: «ma come fai ad avere tutta questa pazienza?». Può sembrare un commento banale, ma in realtà aveva colto nel segno ed era andato oltre le apparenze, entrando in un mondo fatto di notevoli sacrifici, di impegno fisico e mentale, in una sfida da missione impossibile: avvicinarsi ai risultati di enormi e costosissime strumentazioni professionali lavorando da casa propria, con uno strumento progettato in proprio e realizzato meccanicamente ed elettronicamente da una nota ditta di strumentazione astronomica, il cui proprietario aveva la forza di credere in progetti lungimiranti e al di fuori del comune.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.222 - 2018 alla pagina 86: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento