AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
24 Settembre 2020
Ci sono 286 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

La cameriera e il professore storia di emigrazione agli albori dell’astrofisica

Nessun commento
Commenta
Williamina Fleming

Williamina Fleming in un ritratto fotografico realizzato il 1890, quando stava per raggiungere l’apice della sua carriera all’interno delle gerarchie dell’Osservatorio di Harvard.

Non è infrequente trovare nelle biografie di personaggi legati all’astronomia, o alla scienza in genere, dei riferimenti a vicende che vedono coinvolte domestiche e cameriere. Ricordiamo ad esempio (nel male) l’improvvida perdita da parte di una “fantesca” dell’importante lettera che impedì a William Lassell di dedicarsi alla ricerca di Nettuno (Coelum n. 155), o la distruzione degli appunti di Bernhard Riemann sulla (possibile) dimostrazione della sua ipotesi sulla distribuzione dei numeri primi… Nel bene, c’è invece lo splendido esempio di Williamina Paton Stevens Fleming (1857-1911), di cui è da poco ricorso il centesimo anniversario della morte. Oltre agli importanti contributi alla nascente branca della classificazione stellare, a lei si deve la scoperta di uno dei più conosciuti e iconici oggetti del profondo cielo: la Nebulosa Testa di Cavallo.
Scoperta controversa, come vedremo.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.159 - 2012 alla pagina 26

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento