AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
13 Novembre 2019
Ci sono 211 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

LA BREVE ESTATE TRIESTINA di Johann Nepomuk Krieger

Nessun commento
Commenta
Hanc krieger

Uno dei disegni contenuti nel Mond Atlas del 1912: si tratta del cratere Archimede, ritratto da Krieger nel 1898.

Una pagina poco conosciuta dell’astronomia “italiana”, scritta da un giovane amatore tedesco sul finire del 19° secolo nella città che più di tutte rappresenta l’incrocio della scienza e della cultura europea in genere. La sua eredità: il Mond Atlas, uno dei più accurati atlanti lunari della storia.
È una qualsiasi notte serena della Trieste di fine secolo, quando ancora la città giuliana era parte del territorio dell’impero austro-ungarico. Il sole è appena tramontato e dal nuovissimo Osservatorio astronomico le cupole cominciano ad aprirsi con il loro caratteristico rumore di ferraglia. La strumentazione nella struttura in rinnovamento è ancora piuttosto modesta e i telescopi che si affacciano alle feritoie sono solo in grado di produrre dati per l’astronomia di posizione, utili alla compilazione di cataloghi stellari. È pur tuttavia un Osservatorio importante, tanto che da lì a pochi anni, nel 1903, una volta completata la trasformazione verrà chiamato con l’altisonante nome di “Imperial Regio Osservatorio Astronomico e Meteorologico”. A fronte di tutto ciò, ora immaginate che a pochissima distanza dalle cupole “professionali”, e alla stessa ora, un’altra cupola si metta in moto… E non la cupola domestica da cui spunti un piccolo cannocchiale, ma quella di un vero Osservatorio, perfino dotato di un rifrattore di classe e diametro decisamente superiore a quello degli strumenti che i “professionisti” stanno usando in quel momento…

Per approfondire:

Il Mond Atlas di Krieger scaricabile in vari formati
.

250 anni di Astronomia a Trieste di Conrad A. Bohm

.


L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.179 - 2014 alla pagina 34

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento