AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
20 Ottobre 2018
Ci sono 209 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line

L’astronomo pilota d’aereo

Nessun commento
Commenta
Roberto-Ragazzoni

In alto, Roberto Ragazzoni nell'esercizio della sua professione di astronomo. Sotto... pilota d'aereo!

Roberto Ragazzoni, astronomo presso l’Osservatorio di Padova, è uno dei più grandi esperti al mondo di sistemi di ottica adattiva e amico della redazione di Coelum da parecchi anni, ma è anche uno dei personaggi più strambi, anticonvenzionali e soprattutto eclettici dell’intero panorama dell’astronomia italiana. Tanto eclettico da improvvisarsi pilota d’aereo, forse con l’unico scopo di rovesciare la prospettiva che lo vedeva guardare il cielo dagli Osservatori astronomici e che ora gli consente invece di fotografare gli Osservatori dal cielo.
Così ci è parso necessario intervistarlo per capirci qualcosa di più…

.

Siamo nello studio di Ragazzoni, situato all’interno della specola che a Padova è la sede dell’antico osservatorio astronomico dell’Università. Aspettiamo qualche minuto, mentre Roberto continua a parlare al telefono… per poi concludere in modo sbrigativo: “Si sono stato ad Asiago nel weekend… no, non c’era tanta turbolenza… ora ti devo lasciare…”.

Per un astronomo che si occupa di ottica adattiva, la turbolenza è di casa. Quella che si addensa negli strati bassi dell’atmosfera e che si annida fino a oltre una decina di chilometri dal suolo, che deteriora, agita, distorce l’immagine di un telescopio. Roberto la studia da anni ed ha concepito e realizzato diverse macchine in grado di cancellare questa turbolenza e di raggiungere le massime risoluzioni teoriche su telescopi come il VLT o l’LBT. Ma questa volta non si riferiva al telescopio di cima Ekar e neppure alla turbolenza responsabile del cosiddetto “seeing”.

Perché Roberto oltre che astronomo è anche pilota!

.

L'Oosservatorio di Padova fotografato dall'aereo

L'Osservatorio di Padova (la "specola") sorge a brevissima distanza dall'aeroporto cittadino ed il sorvolo richiede un permesso "ad hoc". Da Padova a Bologna il passo è breve e quindi (vedi foto alla pag. successiva) ecco anche il Radiotelescopio di Medicina!

Come è nata questa passione, da piccolo volevi fare l’astronauta?

Ragazzoni. Macché, niente di tutto questo. Anzi ti dirò che dovendo viaggiare spesso in aereo (di linea si intende), nonostante sapessi tutto sul “Numero di Reynolds” o sulla legge di Kolmogorov [il coefficente adimensionale e la legge che regola la turbolenza nei fluidi; NdR] ogni volta che l’aereo incontrava un po’ di turbolenza (o quelli che impropriamente vengono definiti vuoti d’aria) mi aggrappavo ai braccioli del sedile e sudando freddo giuravo a me stesso che non avrei mai più preso un aereo in vita mia…

.

Insomma, avevi paura di volare, e poi…?

Ragazzoni. Poi nel 2004 in un’estate di noia a Firenze dovevo fare qualcosa di “differente”…

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.148 - 2011 alla pagina 36

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento