AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
25 Gennaio 2021
Ci sono 130 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Keplero e le grandi congiunzioni Giove-Saturno

Nessun commento
Commenta

Se Johannes Kepler fosse stato vivo e operante in questo difficile 2020, avrebbe sicuramente attribuito un’importanza eccezionale alla prossima grande congiunzione dei due pianeti superiori, Giove e Saturno, che avrà luogo il 21 dicembre nella costellazione del Capricorno.
Innanzitutto per ragioni astronomiche: la distanza angolare apparente tra i due giganti sarà di appena 6’, paragonabile a quella della congiunzione da lui stesso studiata nel 1623, e molto inferiore alla distanza angolare raggiunta dalla pur celebre congiunzione del 1603/1604, calcolata da Keplero in 1° 7’, che dette origine alle considerazioni pubblicate nel trattato De stella nova in pede Serpentarii del 1606.
E poi per ragioni astrologiche: nello schema interpretativo del congiunzionismo medievale, che assegna alle periodiche unioni di Giove e Saturno il compito di scandire i grandi eventi della storia e le svolte epocali nel percorso delle religioni e delle civiltà, questa sarebbe catalogata come una coniunctio media, del genere che ricorre una sola volta ogni 240 anni, e che segna il cruciale passaggio da un trigono elementare all’altro, la prima di un ciclo di congiunzioni consecutive nella triplicità d’Aria. Keplero conosceva bene queste teorie e si mise in mente di verificarle e di riformarle…

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.250 - 2020 alla pagina 36: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento