AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
26 Gennaio 2021
Ci sono 362 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

J’ai deux amours, l’astronomie et Paris…

Nessun commento
Commenta

LostAndFoundAbbiamo trovato questa vecchia fotografia, e subito ci è tornata la voglia di tornare a parlare de “l’Astronomia di piazza”, quella sorta di servizio pubblico che, specialmente a Parigi, ebbe così tanto successo fino a quasi un secolo fa. Su questa rivista ne abbiamo parlato diverse volte. Prima ci fu un magistrale Hanc Marginis firmato da Rodolfo Calanca (Coelum 91), poi un editoriale di Emiliano Ricci (Coelum 139), che in piazza ci andò davvero per qualche tempo, come pure Nazzareno Terzaroli (Coelum 136), conosciutissimo a Roma per i suoi happening osservativi. A parte queste rare iniziative, fatte solo per puro spirito di divulgazione, è però curioso notare come ai nostri giorni nessuno tra gli appassionati di astronomia, nemmeno tra quelli più strambi e di spirito libero, abbia finora pensato di mettere a profitto la propria preparazione per guadagnarsi da vivere come “astronomo di piazza”1. Certo, per esercitare servirebbe una sorta di licenza municipale, ma crediamo che la novità sortirebbe l’interesse di larghi strati della popolazione. Chi si lascerebbe sfuggire l’occasione, tra i passeggiatori serali, di dare un’occhiata a Giove, alla Luna o alle Pleiadi? E di giorno, magari con lo strumento strategicamente appostato in un parco cittadino, chi resisterebbe al richiamo delle macchie solari?

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.189 - 2015 alla pagina 46

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento