AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
9 Maggio 2021
Ci sono 185 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Intervista con Jader Monari

Nessun commento
Commenta
Jader Monari

Foto che ritrae l’attuale responsabile della Stazione di Medicina, Jader Monari, alle prese con due diversi aspetti del suo lavoro: il primo prettamente tecnico ed astronomico, il secondo – la ricerca di ET – molto più emozionale anche se egualmente importante.

Un’autentica raffica di ricorrenze sta per investire la radioastronomia italiana. Come abbiamo già visto, quest’anno ricorrono i 50 anni dall’inizio dei lavori della Croce del Nord, ma sarà anche il 30° anniversario della costruzione della parabola VLBI e il 25° della parabola gemella di Noto. In più, a fine settembre, è stato inaugurato il Sardinia Radio Telescope… Davvero il momento ideale per incontrare l’ingegnere Jader Monari, responsabile della Stazione Radioastronomica di Medicina.

Coelum – Di formazione lei è un ingegnere elettronico: cosa l’ha portata a occuparsi di radioastronomia? Passione per il cielo o che altro?

Monari – Sì, mi sono laureato presso la stazione di Medicina con l’ingegner Stelio Montebugnoli, ma ovviamente non ci sono arrivato per caso; la predisposizione c’era, anche se forse il destino mi ha dato una mano. Proprio sul finire del mio corso di studi, infatti, qui a Medicina stavano cercando laureandi per una tesi sperimentale, e io mi ci sono buttato capofitto in quanto radioamatore e appassionato di spazio, con una passione incondizionata fin da piccolo per le saghe di Guerre Stellari e Star Trek. Ricordo che mentre ero qui per la tesi ero come ipnotizzato dall’imponenza della Croce del Nord e mi dicevo sempre che sarebbe stata una fortuna lavorare in quel posto disperso in mezzo al nulla. Dopo la tesi e il servizio civile mi venne proposto di lavorare con una borsa di studio a un progetto spaziale chiamato SPOrt (Sky Polarization Observatory) al quale partecipava l’Istituto di Radioastronomia (IRA). Da quel giorno non me ne sono più andato.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.176 - 2013 alla pagina 22

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento