AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
22 Settembre 2019
Ci sono 249 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Il PRIMO della classe

Nessun commento
Commenta

Moebius
Chi inventò l’aritmetica modulare, che governa il succedersi delle ore segnate dalle lancette degli orologi? Il matematico tedesco Carl Friedrich Gauss. Chi enunciò per primo il teorema dei numeri primi, che descrive la loro distribuzione fra gli interi? Ancora Gauss. E chi ideò il metodo dei minimi quadrati, e lo utilizzò per ritrovare l’asteroide Cerere poco dopo il suo primo avvistamento da parte di Giuseppe Piazzi? Sempre Gauss. E che dire della distribuzione normale di probabilità, quella che rappresentiamo tramite la famosa curva a campana, detta appunto “gaussiana”? E della più popolare tra le formule usate per calcolare la data della Pasqua? E potrei proseguire questo elenco riempiendo pagine e pagine. A parere di molti, Gauss, vissuto tra il 1777 e il 1855, è stato il più grande matematico di tutti i tempi, oltre che insigne meccanico celeste (senza il suo genio è probabile che il primo asteroide mai scoperto dall’Uomo non si sarebbe più trovato per chissà quanti anni). Di sicuro era un lavoratore infaticabile e perfezionista. Secondo un celebre aneddoto (sperabilmente apocrifo), mentre era intento in un difficile calcolo, qualcuno lo interruppe per annunciargli che sua moglie stava morendo, e lui rispose: «Ditele di aspettare, sono impegnato»…

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.185 - 2014 alla pagina 82

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento