AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
11 Dicembre 2019
Ci sono 292 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Il mistero delle GALASSIE A GUSCIO

Nessun commento
Commenta
NGC 474

Questa straordinaria immagine, sicuramente la migliore mai ripresa per questo genere di oggetti, mostra la “Shell galaxy” NGC 474, fotografata con il 3,6 metri del Canada-France-Hawaii Observatory. La galassia, in un campo che misura circa 12 primi di lato, è in realtà una ellittica che, osservata con una strumentazione normale, misura non più di 2' di diametro. Tutto quello che si vede in più, ovvero gli stranissimi gusci e le meravigliose velature che ricordano delle volute di fumo, sono in realtà ciò che resta (sostanzialmente stelle) di una galassia più piccola con cui la NGC 474 è entrata in interazione stretta miliardi di anni fa e che ora è stata quasi interamente smembrata. Le è a fianco la spirale NGC 470, che un tempo era data come responsabile nella distorsione della ellittica. Foto di Jean-Charles Cuillandre e Giovanni Anselmi.

Sulla copertina del numero di dicembre 2011 i lettori di Coelum hanno potuto ammirare uno strano oggetto celeste del quale volutamente non è stata rivelata l’identità. A prima vista potrebbe sembrare una nebulosa planetaria avvolta da tenui veli bianco-azzurri disposti in maniera concentrica o radiale. Oppure, più prosaicamente, potrebbe essere un semplice riflesso, un alone luminoso attorno a una stella brillante come se ne intravedono in effetti ai bordi del campo. In entrambi i casi saremmo però in errore. Il nostro misterioso corpo celeste non è né un effetto ottico né un oggetto appartenente alla Via Lattea. Catalogato come NGC 474, è situato nella costellazione dei Pesci e il suo redshift, z = 0,008, lo pone infatti a una distanza da noi di circa un centinaio di milioni di anni-luce. Il che fa di questo oggetto una galassia veramente straordinaria, che soltanto da pochi anni, grazie al prodigioso miglioramento della tecnologia di ripresa, si è riusciti a vedere in tutta la sua inquietante bellezza. Vediamo in questo articolo di darle un significato dal punto di vista fisico, e di spiegare l’origine di quelle geometriche velature…

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.157 - 2012 alla pagina 12

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento