AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
14 Ottobre 2019
Ci sono 208 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

I quadrati di Dürer

Nessun commento
Commenta

Moebius quadrato magicoDomanda retorica: vi siete mai chiesti, cari astrofili del terzo millennio, in che modo si faceva astronomia qualche secolo fa, diciamo agli inizi del Cinquecento? A questo proposito c’è una famosa incisione di Albrecht Dürer (1471-1528), artista, matematico e amante del cielo stellato, che rappresenta in modo emblematico la figura dell’astronomo del tempo: compasso e mappamondo in mano, gli antichi simboli dei pianeti disegnati nell’ordine previsto dal sistema tolemaico. E di cannocchiali neanche l’ombra, ché mancava ancora un secolo all’invenzione olandese. E in mancanza di dati osservativi certi su cui discutere, che cos’altro potevano fare gli astronomi del tempo se non buttarsi sul vago e quindi sull’esoterismo? E infatti Dürer, che s’intendeva anche di astrologia e astronomia, in un’altra sua incisione ancora più famosa, intitolata “Melencolia I” (il numero romano sta a indicare che si trattava del primo quadro di un trittico) provvede a mischiare bene le due cose, trattando il simbolismo planetario in un contesto ricolmo di riferimenti esoterici. Tra i vari oggetti presenti nella scena spicca uno strano quadrato (lo vedete nella figura a destra) formato da sedici caselle, ciascuna delle quali contiene un numero. Dategli un’occhiata: a parte il fatto che le due caselle centrali in basso restituiscono la data dell’opera (1514), riuscite a trovare qualche altra interessante particolarità?

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.175 - 2013 alla pagina 82

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento