AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
26 Maggio 2020
Ci sono 285 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

I misteri di ALH84001

Nessun commento
Commenta
ALH84001

Una vista insolita del meteorite probabilmente più famoso del mondo, di cui esistono veramente pochissime fotografie ed è di solito sempre rappresentato come nel riquadro in basso a destra, dal lato cioè dove è stato sezionato. La sua forma originale è quella di un ellissoide, di 17x9,5x6,5 cm e di 1931 g di peso.

Che fine ha fatto ALH84001, il meteorite che nell’agosto 1996 diventò improvvisamente il più famoso sasso cosmico del pianeta, sospettato di provenire da Marte e di portare con sé i fossili di antichi organismi marziani? Dopo anni di accese polemiche tra specialisti di geologia e biochimica, e di clamori che avevano travalicato i normali confini della disputa scientifica per arrivare alla ribalta della grande stampa, da un po’ di tempo a questa parte il grande sasso sembra ritornato nell’anonimato. Come mai? È forse il segno di un implicito rigetto da parte della comunità scientifica della tesi che nel 1996 lo voleva come il messaggero della vita marziana sulla Terra? Per rispondere a queste domande, a 15 anni dal clamoroso annuncio sul ritrovamento dei presunti batteri marziani, abbiamo deciso di ripercorrere la storia di ALH84001 e di promuovere tra gli astronomi una specie di referendum per conoscere il loro orientamento “emotivo” sulla vicenda.

Leggi la versione integrale delle interviste raccolte da Claudio Elidoro a corredo dell’articolo.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.158 - 2012 alla pagina 14

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento